San Francesco che contestatore


 

Che cosa contesta Francesco? Contesta tutto. Tutto, nulla escluso. Contesta la , che abbandona. Contesta il padre, che disconosce. Contesta la società, che lascia…

Vediamolo, san Francesco, come contestatore. Badate che questo non faccio per una condiscendenza ai tempi. Negli ultimi anni anche le maggiori riviste francescane, abbandonato il tradizionalismo, si sono accorte che san Francesco era un contestatore, e i maggiori studiosi di san Francesco han cominciato a vederlo da questo punto di vista. Anzitutto fu un rivoluzionario, perché cambiò totalmente religiosa, quale da secoli si intendeva, ed era. In realtà san Francesco voleva fondare, e fondò, un primo «istituto secolare».

All’inizio i suoi compagni primi erano laici; frate Leone, che fu l’unico (ed era nello stesso tempo confessore e medico di san Francesco) venne più tardi. Ma l’intenzione di Francesco era veramente quella di fondare – diremmo oggi – un Istituto secolare. Il VII capitolo della Prima regola di san Francesco descrive alla lettera l’intenzione di san Francesco, e la conclusione non è che questa: raccogliere intorno a sé dei laici, laico egli stesso.

Che cosa avvenne dopo? Avvenne che i tempi non erano maturi – ci vorranno altri sette secoli prima che appaiano gli Istituti secolari – e allora la Chiesa, sapientemente, prese questa istituzione e la trasformò in un Ordine religioso; in un periodo di secca come quello in cui si trovava, essa, avendo bisogno di santi religiosi e di santi sacerdoti, come nei tempi antichi aveva trasformato il monachesimo – che era un fenomeno laico – in un fatto religioso, così trasformò questo istituto secolare fondato da san Francesco in un Ordine religioso: naturalmente con idee completamente diverse da quelle correnti, che erano quelle agostiniane e benedettine.

Che cosa contesta Francesco? Contesta tutto. Tutto, nulla escluso. Contesta la famiglia, che abbandona. Contesta il padre, che disconosce (e la storia ci dice che non ci fu più nessun rapporto fra padre naturale e figlio). Contesta la società, che lascia completamente. Contesta gli Ordini religiosi tradizionali, che rispetta, ma nei quali non vuole entrare («Non parlatemi di Agostino, di Benedetto», eccetera: qui sono nominati i due Ordini principali di monaci che esistevano ai suoi tempi fino dall’Alto Medioevo).

Allora cos’è che riconosce quest’? Riconosce solo il sacerdote. Anche quando è cattivo, anche quando è perverso, anche quando è simoniaco, anche quando è macchiato di qualunque macchia… Perché? Perché egli solo distribuisce i sacramenti del Signore e in modo particolare l’Eucaristia. E nella violenta lotta che allora il laicato fedele – fedele! – faceva contro i preti simoniaci, Francesco è dalla parte dei preti. Riconosce i vescovi, che rispetta; il «signor », a cui si inchina.

E riconosce soprattutto Dio. Dio. Si dà tutto a Dio. Tutto! Persona, tempo, azioni, pensiero. E qui è la differenza con gli altri ; anche con gli altri santi. Tutto, senza riservare niente a se stesso. Niente piani umani. Niente. Deus meus et omnia: «Dio mio e mio tutto». Nei rapporti con i fratelli, vede solo Dio. Solo, solo Dio. Ora nessun altro santo ha fatto così. Gli altri santi hanno avuto più o meno pensieri umani, sia pure per far progredire l’azione di Dio fra gli ; hanno avuto una professione… La professione di Francesco è quella di amare Dio e di far amare Dio: nient’altro.

Diventa così conforme a come nessun altro. In una cosa sola non riuscì a imitare Gesù : nella morte; Gesù fu ucciso dai sacerdoti fedeli all’antica legge, perché era il primo rivoluzionario e il primo contestatore, mentre san Francesco ebbe sorte più benigna, visse fino a 44 anni e morì – dopo aver ricevuto le stimmate, «l’ultimo sigillo» – consunto dall’ di Dio. Ora dobbiamo intenderci: leggendo la vita e le opere di lui, occorre tener presente ciò che è legato ai tempi, e quindi caduco, e ciò che è perenne. Bisogna trarre da san Francesco, cioè, tutto ciò ch’è utile a uomini del Duemila, uomini spaziali e dell’era atomica.

Ciò che è utile, dobbiamo dirlo, è moltissimo. Badate che di tanti santi si ricorda solo il nome, oggi. Dico anche santi importanti: san Benedetto Labre, san Vincenzo de’ Paoli, san Francesco da Paola, eccetera. Passiamo pure in rassegna il calendario dei santi: il novanta per cento ci sono ignoti. Perché? Perché hanno detto una parola per il loro tempo; la storia va avanti, continua, come una fiumana, e ogni periodo ha i suoi santi.

Hanno trasmesso agli uomini una parola del , hanno trascinato all’amore di Dio gli uomini e le donne del loro tempo: del loro tempo. Passato questo, la loro funzione cessa. Francesco finora no. Finora no. Anche in lui, beninteso, una parte è legata al tempo, e questa cade; ma la parte maggiore resta.

fonte: Avvenire

Commenti

  1. Giovanni scrive:

    la vera contestazione riguarda il proprio cambiamento, questo Francesco lo ha capito e ce lo insegna, oggi però contestare, lo si vede, è disordine e distruzione.
    Molti guardando a Francesco hanno cambiato comportamento, anche lo scoutismo è contestazione, è un continuo cambiamento in meglio, per fare sempre…
    del nostro meglio. Ciao e buona strada.

  2. Antonella scrive:

    Giovanni, sono d’accordo con te che oggi contestare è disordine e distruzione… ma se ci si pensa bene è il modo più semplice per farlo….
    Francesco è stato un contestatore perché era coerente con le Sue idee… Noi, in questa società dove l’immagine regna sovrana, quanto siamo disposti a perdere per essere coerenti con le nostre idee?
    Anche quando si fa attività con i ragazzi, o semplicemente in Co.ca, quanto è difficile essere coerenti???
    E’ ovvio che cerchiamo di mettercela tutta tra impegni di lavoro, famiglia….che l’ingegneria nucleare è acqua fresca a confronto, ma a volte scendiamo in compromessi…..Ce ne vuole di strada per arrivare ad un pezzettino della forza di Francesco….ma noi faremo del nostro meglio;)
    Buona strada

  3. Francesco MARGARONE scrive:

    Sempre più libero, perchè sempre più partecipe della dimensione cristiana, che vive il tempo e lo spazio per andare oltre il tempo e oltre lo spazio. Tanto libero da riuscire a condividere questa sua dimensione con tanti compagni di viaggio che sentivano la bellezza del suo essere e volevano condividerla, anche se ancora lontani dal cammino di liberazione che egli aveva già percorso. Francesco, un uomo con cui camminare verso la piena libertà: nel tempo e nello spazio oltre il tempo e oltre lo spazio.
    Buona strada.
    Francesco Margarone

  4. fr luca minuto scrive:

    Ho apprezzato quest’articolo, ma mi permnetto di osservare che la parola contestatore si presta a fraintendimenti. Credo che uno dei tratti più affascinanti di Francesco stia nel riconoscere il male che c’è nel mondo e tuttavia amare questo mondo per il quale il Signore stesso ha dato la vita. Francesco non fugge davanti alla società, ma rimane lì dov’è e accetta di prendere su di sé il male, come fa il Signore (e come Cristo porta i segni di questo amore che ferisce). Immaginiamo due innammorati che si incontrano su una panchina: quella panchina per loro non sarà più un semplice poggia-sedere; così per Francesco questa terra e questi uomini, pur nella loro natura stravolta dal peccato, diventano il luogo dove si può incontrare il Dio fatto uomo. In questo Francesco va veramente controcorrente.