Via radio e via Internet: per due giorni il Jamboree è alla portata di tutti!


Scout di tutto il mondo per 48 ore si parleranno via , chatteranno e discuteranno insieme, il 16 e 17 ottobre, nell’annuale appuntamento dello Jota ( on the air) e dello (). Già, ma di che cosa si parla? Be, di diritti, ad esempio, come propone nel lanciare l’iniziativa, che quest’anno è in partnership con Unicef.

Chi non può contare sull’esperienza di qualche radioamatore che lo aiuti a lanciarsi nell’etere e partecipare allo Jota, può sicuramente scegliere una strada a portata di tutti, ossia . Sul web si può partecipare allo Joti utilizzando il sistema che si preferisce (dal browser alle mail, ai programmi di , al microfono, agli scanner e telecamere digitali). La maggior parte delle comunicazioni avvengono tramite E-mail o sulla rete di , Internet Relay .

Grazie allo Joti è semplice gettare le basi per costruire amicizie con scout di altri paesi e trovare maggiori informazioni sulla loro cultura e sul loro modo di essere scout. Spesso, questi contatti continuano per anni e gettano le basi per organizzare uscite e campi. Soprattutto prima del Jamboree può essere un’ottima occasione per incontrare virtualmente ragazzi che poi, magari, si potranno conoscere l’estate prossima in Svezia!

Dal 1996, lo JOTI è un evento ufficiale del WOSM, e c’è un sito in italiano (http://www.joti.org/it) con tutte le informazioni utili, suggerimenti, idee ma anche consigli sulla sicurezza in rete. Quindi se avete un collegamento Internet siete pronti: avete tutto quello che vi serve a partecipare a questo fantastico gioco!