Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


Le delusioni del campo estivo
Vai a 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Esploratori e Guide
Autore Messaggio
Marm



Età: 39
Segno zodiacale: Sagittario
Registrato: 15/02/10 15:36
Messaggi: 984
Residenza: Veneto

MessaggioInviato: Venerdì 17 Agosto 2012, 12:22    Oggetto: Le delusioni del campo estivo Rispondi citando

Quest'anno il campo estivo mi ha regalato una bella serie di delusioni, oltre a un dubbio latente sulla mia capacità di valutare sforzi e tempi di recupero dei ragazzi.

Anche se in SpR e nel manuale di branca non sono riuscito a trovare nulla a riguardo della segretezza delle uscite di reparto e di squadriglia al campo estivo (anche se penso che il racconto del grande gioco che si trova nel manuale di branca renda comunque l'idea), mi sembra abbastanza normale e comprensibile che queste uscite vengano annunciate ai ragazzi con il minimo preavviso, giusto il tempo di prepararsi lo zaino e partire. L' "estote parati" è anche questo no? Sarei curioso di sapere le vostre abitudini a tale riguardo: tenete nascoste sino all'ultimo le date delle uscite oppure ne tenete informato il Con.Ca. in anticipo?

La prima protesta è arrivata da una guida "dovete dircelo prima perché dobbiamo prepararci psicologicamente". Non mi pare di averle risposto, l'avevo presa come una battuta da film americano, da non prendere seriamente. E la cosa pareva finita lì.

Alla successiva uscita (dopo due giornate in cui le cose più impegnative erano state la gara cucina e la giornata genitori) il problema si è riproposto, questa volta da parte degli esploratori, mentre le guide, pur rognando, s'erano subite date da fare con gli zaini. Ecco cosa mi hanno risposto due capi squadriglia quando ho chiesto loro a cosa serviva il sapere con un giorno di anticipo la data di partenza:

1. se ci dite il giorno prima che c'è l'uscita, posso chiedere ai miei squadriglieri di far subito silenzio in tenda la notte
2. se sappiamo che il giorno dopo c'è l'uscita, il giorno prima manteniamo le forze per l'uscita

Se non fossi stato incavolato, di queste "motivazioni" avrei riso quasi volentieri:

1. sono forse i 15 minuti tra la chiusura della giornata e il silenzio a fare la differenza?
2. eh.. in effetti me li immagino proprio gli esploratori che nel tardo pomeriggio (17:30? 18:00? perché poi c'è comunque l'accensione fuochi) guardano sconsolati la palla da scoutball e non osano iniziare una partita perché la mattina dopo hanno in programma una uscita.
Top
sponsor
sponsor
paciock87



Età: 33
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 07/05/06 21:36
Messaggi: 1435
Residenza: Romano

MessaggioInviato: Venerdì 17 Agosto 2012, 13:40    Oggetto: Re: Le delusioni del campo estivo Rispondi citando

Marm ha scritto:
Quest'anno il campo estivo mi ha regalato una bella serie di delusioni, oltre a un dubbio latente sulla mia capacità di valutare sforzi e tempi di recupero dei ragazzi.

Anche se in SpR e nel manuale di branca non sono riuscito a trovare nulla a riguardo della segretezza delle uscite di reparto e di squadriglia al campo estivo (anche se penso che il racconto del grande gioco che si trova nel manuale di branca renda comunque l'idea), mi sembra abbastanza normale e comprensibile che queste uscite vengano annunciate ai ragazzi con il minimo preavviso, giusto il tempo di prepararsi lo zaino e partire. L' "estote parati" è anche questo no? Sarei curioso di sapere le vostre abitudini a tale riguardo: tenete nascoste sino all'ultimo le date delle uscite oppure ne tenete informato il Con.Ca. in anticipo?

La prima protesta è arrivata da una guida "dovete dircelo prima perché dobbiamo prepararci psicologicamente". Non mi pare di averle risposto, l'avevo presa come una battuta da film americano, da non prendere seriamente. E la cosa pareva finita lì.

Alla successiva uscita (dopo due giornate in cui le cose più impegnative erano state la gara cucina e la giornata genitori) il problema si è riproposto, questa volta da parte degli esploratori, mentre le guide, pur rognando, s'erano subite date da fare con gli zaini. Ecco cosa mi hanno risposto due capi squadriglia quando ho chiesto loro a cosa serviva il sapere con un giorno di anticipo la data di partenza:

1. se ci dite il giorno prima che c'è l'uscita, posso chiedere ai miei squadriglieri di far subito silenzio in tenda la notte
2. se sappiamo che il giorno dopo c'è l'uscita, il giorno prima manteniamo le forze per l'uscita

Se non fossi stato incavolato, di queste "motivazioni" avrei riso quasi volentieri:

1. sono forse i 15 minuti tra la chiusura della giornata e il silenzio a fare la differenza?
2. eh.. in effetti me li immagino proprio gli esploratori che nel tardo pomeriggio (17:30? 18:00? perché poi c'è comunque l'accensione fuochi) guardano sconsolati la palla da scoutball e non osano iniziare una partita perché la mattina dopo hanno in programma una uscita.


A me sembra solo una scusa che nasconde altro... Di certo se la reazione è questa vuoldire che nel passato sono stati abituati in altro modo... Comunque qualche scontro con i capi rep ci sta, non capisco dove sia la delusione!

Da noi il Conca sa cosa si fa al campo, ma non sa quando si fa! Wink
Top
Marm



Età: 39
Segno zodiacale: Sagittario
Registrato: 15/02/10 15:36
Messaggi: 984
Residenza: Veneto

MessaggioInviato: Venerdì 17 Agosto 2012, 14:50    Oggetto: Re: Le delusioni del campo estivo Rispondi citando

paciock87 ha scritto:
A me sembra solo una scusa che nasconde altro... Di certo se la reazione è questa vuol dire che nel passato sono stati abituati in altro modo...

Ok, è una inezia, ma questa "abitudine" ai capi reparto non sembra esser stata concessa nell'anno passato.

paciock87 ha scritto:
Comunque qualche scontro con i capi rep ci sta, non capisco dove sia la delusione!

In buona parte per le motivazioni che ho sentito dai ragazzi e che ho riportato qui, almeno nel modo in cui io le ho comprese. In buona parte anche per la "convinzione" con cui la protesta ci è stata presentata.

Il fatto che se per fare una uscita lo devono sapere il giorno prima.... "estote parati"? In che senso?

Eppoi sentirsi dire dagli esploratori che sono troppo stanchi quando non ti sembra che le attività proposte giustifichino "completamente" questo stato di forma fisica... è una bella mazzata, perché poi ci siamo ritrovati a decidere sino a notte fonda se e come variare gli itinerari delle uscite. (Tenendo d'occhio nel contempo eventuali movimenti notturni dei ragazzi... perché se ti lamenti che sei stanco e poi ti becco nella tenda sbagliata...)

Diversi anni fa avevo dei ragazzi che abitualmente durante il campo estivo (parole loro) "dormivano 3 ore a notte e poi si facevano vanto di non apparire stanchi ai capi reparto". Io che allora ero un aiuto ricordo bene, invece, quanto apparissero cadaverici al mattino, ma mai avevo sentito prima un esploratore lamentarsi per la mancanza di tempi di recupero tra una attività e l'altra e protestare per una uscita.

paciock87 ha scritto:
Da noi il Conca sa cosa si fa al campo, ma non sa quando si fa! Wink

Che appunto mi pare debba essere la regola, a parte il fatto che una o due attività del tutto ignote ai ragazzi ci stanno anche bene per mantenere un clima di "avventura".
Top
Cervo Capace





Registrato: 03/02/11 09:35
Messaggi: 84

MessaggioInviato: Sabato 18 Agosto 2012, 09:22    Oggetto: Rispondi citando

Forse le uscite non dovrebbero essere tra quelle... Loro le vedono come una cosa impegnativa. Penso che quello che ti hanno detto, Marm, sia più che altro una scusa... In verità (dalla mia esperienza, poi i tuoi ragazzi li conosci tu sia chiaro) penso che il non dire da parte dei c.r. sia visto come un 'sotterfugio' e che voi evitiate il confronto con loro al riguardo...
Top
Marm



Età: 39
Segno zodiacale: Sagittario
Registrato: 15/02/10 15:36
Messaggi: 984
Residenza: Veneto

MessaggioInviato: Sabato 18 Agosto 2012, 13:43    Oggetto: Rispondi citando

Cervo Capace ha scritto:
Forse le uscite non dovrebbero essere tra quelle... Loro le vedono come una cosa impegnativa.

Si, sono una cosa impegnativa, non c'è dubbio, ma i percorsi li abbiamo provati, o almeno visti, prima del campo e a noi capi reparto parevano alla portata dei ragazzi, come poi ha testimoniato il fatto che siano tornati dalle uscite di squadriglia di buon umore, in anticipo rispetto al tempo concesso e all'apparenza non "devastati"...

Cervo Capace ha scritto:
Penso che quello che ti hanno detto, Marm, sia più che altro una scusa... In verità (dalla mia esperienza, poi i tuoi ragazzi li conosci tu sia chiaro) penso che il non dire da parte dei c.r. sia visto come un 'sotterfugio' e che voi evitiate il confronto con loro al riguardo...

E' certamente vero anche questo, si tratta dei miei ragazzi, ma dal momento che questa segretezza sembra essere la regola (?) nei gruppi scout mi riesce difficile accettare da parte loro questa protesta, perché mi viene naturale confrontare questi miei ragazzi con quelli che ho conosciuto in passato o che ho visto in altri gruppi. Io al campo ho parlato loro di "estote parati", di avventura, del fatto che gira e rigira al campo estivo le uscite è normale farle ogni anno, per cui l'unica cosa su cui possono giocare i capi reparto è far in modo che la partenza sia quanto più possibile una sorpresa. Ma questo loro non lo hanno capito, e io, da arte mia, non posso accettare le motivazioni che ho riportato sopra. Il confronto... effettivamente non poter o non voler accettare le motivazioni dell'altro è un problema...
Top
Cervo Capace





Registrato: 03/02/11 09:35
Messaggi: 84

MessaggioInviato: Sabato 18 Agosto 2012, 16:00    Oggetto: Rispondi citando

Marm ha scritto:
Cervo Capace ha scritto:
Forse le uscite non dovrebbero essere tra quelle... Loro le vedono come una cosa impegnativa.

Si, sono una cosa impegnativa, non c'è dubbio, ma i percorsi li abbiamo provati, o almeno visti, prima del campo e a noi capi reparto parevano alla portata dei ragazzi, come poi ha testimoniato il fatto che siano tornati dalle uscite di squadriglia di buon umore, in anticipo rispetto al tempo concesso e all'apparenza non "devastati"...


Eh, ma questo lo sapevi tu, e non loro...

Marm ha scritto:
Cervo Capace ha scritto:
Penso che quello che ti hanno detto, Marm, sia più che altro una scusa... In verità (dalla mia esperienza, poi i tuoi ragazzi li conosci tu sia chiaro) penso che il non dire da parte dei c.r. sia visto come un 'sotterfugio' e che voi evitiate il confronto con loro al riguardo...

E' certamente vero anche questo, si tratta dei miei ragazzi, ma dal momento che questa segretezza sembra essere la regola (?) nei gruppi scout mi riesce difficile accettare da parte loro questa protesta, perché mi viene naturale confrontare questi miei ragazzi con quelli che ho conosciuto in passato o che ho visto in altri gruppi. Io al campo ho parlato loro di "estote parati", di avventura, del fatto che gira e rigira al campo estivo le uscite è normale farle ogni anno, per cui l'unica cosa su cui possono giocare i capi reparto è far in modo che la partenza sia quanto più possibile una sorpresa. Ma questo loro non lo hanno capito, e io, da arte mia, non posso accettare le motivazioni che ho riportato sopra. Il confronto... effettivamente non poter o non voler accettare le motivazioni dell'altro è un problema...


Io ti ho detto quello che penso pensino loro... Delle chiacchierate sincere con loro sul programma e su cosa si va a fare pagano (al campo una guida del secondo anno ci ha stupito tutti a riguardo - in positivo) Dopotutto il campo estivo è un'Impresa di reparto, e quindi loro... Che poi non vogliano fare le uscite è normale, ma lavorando col consiglio capi dovrebbe aiutare...
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Sabato 18 Agosto 2012, 18:48    Oggetto: Rispondi citando

Un contributo alla discussione: i ragazzi non cercano più il sogno.

Perchè ce l'hanno già.
Top
Marm



Età: 39
Segno zodiacale: Sagittario
Registrato: 15/02/10 15:36
Messaggi: 984
Residenza: Veneto

MessaggioInviato: Sabato 18 Agosto 2012, 19:43    Oggetto: Rispondi citando

Cervo Capace ha scritto:
Eh, ma questo lo sapevi tu, e non loro...

In verità si e no, ma il punto è che si, senza dubbio, le uscite vengono viste dai ragazzi come una cosa impegnativa, ma mi pare anche una cosa normale.

Cervo Capace ha scritto:
Io ti ho detto quello che penso pensino loro... Delle chiacchierate sincere con loro sul programma e su cosa si va a fare pagano (al campo una guida del secondo anno ci ha stupito tutti a riguardo - in positivo) Dopotutto il campo estivo è un'Impresa di reparto, e quindi loro... Che poi non vogliano fare le uscite è normale, ma lavorando col consiglio capi dovrebbe aiutare...

Ecco, ti ringrazio per questo commento su cui certamente rifletterò sopra, ma posso chiederti sino a che punto si sono spinte le vostre chiacchierate? Il reparto conosceva il programma giorno per giorno? Nella preparazione del campo ci sono una serie di attività preparate dai ragazzi e far sapere loro in che date si svolgeranno mi sembra opportuno. Però mi sono andato a guardare anche il manuale di branca E/G e li viene proposto un racconto (presumo inventato) di un grande gioco, lanciato dai capi reparto a sorpresa.


rinoceronte caparbio ha scritto:
Un contributo alla discussione: i ragazzi non cercano più il sogno.

Perchè ce l'hanno già.

Uhm, questo mi sa di riflessione sull'impresa a livello regionale... in questa discussione potrebbe essere una interessante diramazione, ma la domanda allora sarebbe: "ma arrivare in vetta, o comunque fare fatica per arrivare a una meta paesaggisticamente bella, insomma, fare strada in montagna, è un sogno per i ragazzi?"


L'ultima modifica di Marm il Venerdì 24 Agosto 2012, 10:48, modificato 1 volta
Top
elfo





Registrato: 05/03/07 11:40
Messaggi: 1399

MessaggioInviato: Sabato 18 Agosto 2012, 21:18    Oggetto: Rispondi citando

Se ho ben capito, stai parlando degli Hike di Squadriglia al Campo estivo. Boh, sì, secondo me l'"Estote parati" in questo caso ci sta tutto, è abbastanza normale che i ragazzi, compresi i Capi Squadriglia non conoscano la data dell'Hike. Credo che il Con.Ca. debba essere il motore del Reparto, ma che alcune cose debbano essere preparate o decise dai Capi proprio perché anche i Capi Squadriglia possano "giocare".
Purtroppo ho l'impressione, che talvolta, anzi abbastanza spesso in talune circostanze, i ragazzi tendano a lamentarsi, magari perché precedentemente abituati in altro modo o per altre ragioni. Però con il tempo si renderanno conto di ciò che è stato buono per loro.


Marm ha scritto:
la giornata genitori

Mi si contorce tutto solo a sentirla. Peggio di coccinella maschio e di castorino.
Top
sponsor
sponsor
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Domenica 19 Agosto 2012, 01:20    Oggetto: Rispondi citando

No, la mia domanda proveniva da una riflessione con vari capi della mia zona dopo le riunioni di branca....

Per tornare al tuo dilemma, domando: come la lanciate l'uscita?


Per esempio, noi abbiamo un detto:
"la canzone del campo è il 90% della buona riuscita del campo".

Come dire, il lancio fa molto di un'impresa.
Top
Marm



Età: 39
Segno zodiacale: Sagittario
Registrato: 15/02/10 15:36
Messaggi: 984
Residenza: Veneto

MessaggioInviato: Domenica 19 Agosto 2012, 13:33    Oggetto: Rispondi citando

elfo ha scritto:
Se ho ben capito, stai parlando degli Hike di Squadriglia al Campo estivo. Boh, sì, secondo me l'"Estote parati" in questo caso ci sta tutto, è abbastanza normale che i ragazzi, compresi i Capi Squadriglia non conoscano la data dell'Hike. Credo che il Con.Ca. debba essere il motore del Reparto, ma che alcune cose debbano essere preparate o decise dai Capi proprio perché anche i Capi Squadriglia possano "giocare".

Sempre chiamate "uscite di squadriglia", comunque si, son quelle. Comunque da ricordi miei anche l'uscita di reparto è preparata dai soli capi reparto e presentata "a sorpresa" con lo stesso spirito.

elfo ha scritto:
Purtroppo ho l'impressione, che talvolta, anzi abbastanza spesso in talune circostanze, i ragazzi tendano a lamentarsi, magari perché precedentemente abituati in altro modo o per altre ragioni. Però con il tempo si renderanno conto di ciò che è stato buono per loro.

Sono convinto anch'io che in buona parte è così.

elfo ha scritto:
Mi si contorce tutto solo a sentirla. Peggio di coccinella maschio e di castorino.

Fratello mio, lo so, lo so... quest'anno anche da diversi ragazzi ho sentito una certa insofferenza nei confronti di questa giornata, la sua abolizione potrebbe venir discussa l'anno prossimo...


rinoceronte caparbio ha scritto:

Per tornare al tuo dilemma, domando: come la lanciate l'uscita?


Per esempio, noi abbiamo un detto:
"la canzone del campo è il 90% della buona riuscita del campo".

Come dire, il lancio fa molto di un'impresa.

Confesso che l'idea di fare un lancio dell'uscita non me lo ero posto... però mi ricordo che un tempo qualcosa facevamo, sfruttando l'ambientazione del campo.
Per le uscite di squadriglia dargli un compito da svolgere mi sembra sufficiente per motivarli (l'anno scorso era di recuperare delle ricette tipiche della zona da provare nella gara cucina) e comunque anche quest'anno era evidente che volessero andare in uscita di squadriglia, però pretendevano una giornata (o forse mezza) di "relax" per ricaricarsi prima della partenza. Cosa che non gli abbiamo concesso... gli abbiamo solo detto: "oggi c'è l'uscita e non si può rimandare, se volete farla la fate, altrimenti restate qua". Detto questo son partiti tutti.
Per l'uscita di reparto, invece, quest'anno l'idea era di fargli fare un pernottamento in rifugi improvvisati con poncho e teloni, una novità che avrebbe dovuto galvanizzarli parecchio. Per esigenze fisiche l'idea era anche di mandare le squadriglie femminili da una parte, le maschili dall'altra con un percorso più lungo e difficile. Siccome al momento del lancio dell'uscita di reparto la stanchezza degli esploratori ci pareva eccessiva e non ritenevamo di poter seguire i piani previsti, avevamo fatto partire in modo sbrigativo le squadriglie femminili, e quelle s'erano fatte gli zaini ed erano pronte a partire. Agli esploratori, invece, non era stato detto nulla, perché l'idea era diventata di farli riposare sino al mattino successivo e provare la camminata fin dove sarebbero arrivati. Solo che la protesta degli esploratori è scoppiata ben prima del possibile lancio, che confesso di non sapere se era previsto...
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Domenica 19 Agosto 2012, 16:09    Oggetto: Rispondi citando

mah...

Dipende da quanto li fate tirare giornalmente: se non riescono a star dietro alle cose perchè son lenti loro, è un conto.
Top
Marm



Età: 39
Segno zodiacale: Sagittario
Registrato: 15/02/10 15:36
Messaggi: 984
Residenza: Veneto

MessaggioInviato: Domenica 19 Agosto 2012, 19:53    Oggetto: Re: Le delusioni del campo estivo Rispondi citando

Beh, vicino a noi c'era un reparto di Padova, gioco notturno fino alle 2 di notte, mattino successivo sveglia alle 8:00 e uscita di reparto (a sorpresa) divisi per anno, con pernottamento nel bosco per i più vecchi e visita notturna da parte di topi e ghiri (anche questa a sorpresa). Non contenti, nel tardo pomeriggio del giorno di ritorno i loro ragazzi ci hanno affrontati in una partita di scoutball.

Secondo me questo è "farli tirare" parecchio, noi abbiamo fatto le tende rialzate, loro no. Per di più noi usiamo pali da costruzione sin troppo sovradimensionati e buttar su treppiedi e pali orizzontali è una faticaccia anche per gli adulti, ma per le squadriglie maschili la parte più grossa del lavoro era terminata già il primo giorno, le uscite di squadriglia sono state fatte 3 giorni dopo, dopo aver ultimato costruzioni di squadriglia (tavolo, panche e fuoco) e di reparto (qui la parte più dura è stata il pennone, bello alto, ma non era una certo una costruzione fantasmagorica: per un problema tecnico di cui i ragazzi non avevano colpa è stato tirato giù e poi ritirato su e in questa operazione sono bastati 4 o 5 adulti). Partiti nella tarda mattinata del quinto giorno di campo, sono rientrati tra le 17:00 e le 18:00 allegri e stanchi, certamente, ma non apparivano particolarmente distrutti (il percorso più impegnativo era di 13 km, mi pare con un dislivello complessivo di 600m, forse meno, ma dovrei controllare, sicuramente non più di 1000m, che era il dislivello dell'uscita del reparto maschile, che pensavano di fare in due giorni). Il sesto giorno hanno fatto la gara cucina e nel tardo pomeriggio la presentazione di alcune specialità. Il settimo giorno la fatidica giornata genitori e nel pomeriggio dovevano partire per le uscite di reparto.
Dubito che anche così possa aver dato un quadro completo, mancano ancora "i ragazzi" e le loro valutazioni che certo non coincidono con la mia, però almeno sulla carta il programma non mi sembra esagerato e anche se durante le costruzioni li facevamo alzare presto, le 8 ore di riposo notturno c'erano.


L'ultima modifica di Marm il Sabato 25 Agosto 2012, 12:38, modificato 1 volta
Top
elfo





Registrato: 05/03/07 11:40
Messaggi: 1399

MessaggioInviato: Domenica 19 Agosto 2012, 21:17    Oggetto: Re: Le delusioni del campo estivo Rispondi citando

Marm ha scritto:
le 8 ore di riposo notturno c'erano.


Beh, allora direi proprio che dovrebbero essere freschi e riposati. Penso di non aver mai dormito 8 ore per notte in nessun Campo Scout al quale abbia partecipato a qualunque titolo, di Branco, Reparto, o Clan, sia in Sardegna che in Emilia, dove mi trovo attualmente.
A parte questo, quello che hai scritto non mi pare un carico di lavoro eccessivo in un Campo di Reparto.
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Lunedì 20 Agosto 2012, 15:01    Oggetto: Rispondi citando

Molto probabilmente c'era ben altro dietro.
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Esploratori e Guide Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org