Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


state già facendo la conta dei capi per il prox anno?
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi
Autore Messaggio
Beatrix



Età: 41
Segno zodiacale: Cancro
Registrato: 10/10/07 14:57
Messaggi: 127

MessaggioInviato: Giovedì 15 Mag 2008, 17:43    Oggetto: Rispondi citando

Mi sa tanto che noi l'anno prossimo chiudiamo...o meglio tutta la zona chiude se non ci diamo una mossa coi campi di formazione...
Top
sponsor
sponsor
Sentry





Registrato: 24/10/04 21:22
Messaggi: 524

MessaggioInviato: Venerdì 16 Mag 2008, 09:34    Oggetto: Rispondi citando

A parte condividere al 100% quanto scritto da Mangusta, aggiungerei che spesso a causa di tutti gli "intrighi di corte" non si può fare i capi scout (almeno non i capi nel senso di master, leader...insomma, quello che intende il nostro orso quando si arrabbia sulla parola Capo!)
Ben venga l'organizzazione, la formazione e tutto il resto ma:
1) il tempo passato con i ragazzi DEVE essere maggiore di quello passato a parlarsi addosso
2) chi parla per me deve fare nel presente le esperienze che faccio io! (Traduco: i quadri che non vedono ragazzi da troppi anni, sono pericolosi, i burocrati ancora di più!)

Si, lo so, sto diventando un po' fissata e cinica su questi argomenti ma ho avuto la conferma di quanto dico nella mia stessa CoCa!
Abbiamo avuto un quadro che per anni non ha visto i ragazzi, è tornato a far servizio e magicamente ha capito gran parte delle cose che gli raccontavamo e non capiva/condivideva.
Allo stesso modo abbiamo un capo che ormai da quasi un decennio non vede ragazzi (esagero, sono 6/7 anni) e ormai parlare con lui di scoutismo o del suo lavoro è esattamente la stessa cosa, credo non veda neanche più la linea di confine tra i due ambienti (basti dire che utilizza metafore del tipo: "beh, in fondo ci pagano per fare questo" parlando del perchè fare le cose in zona ecc!)
Top
Raffaele



Età: 61
Segno zodiacale: Gemelli
Registrato: 30/01/06 11:12
Messaggi: 193
Residenza: Matera

MessaggioInviato: Venerdì 16 Mag 2008, 13:32    Oggetto: solo scautismo Rispondi citando

Una vita di solo scautismo non si può accettare. A volte ci sono situazioni in gruppo che ci impegnano più del normale e, per non chiudere i battenti si fa quel che si può... una buona idea sarebbe quella della Co.Ca. allargata... in che senso, una volta definiti negli staff chi sono i capo unità, poi si inseriscono persone che possono dedicare molto meno tempo, che conoscono gli impegni dell'unità e che si inseriscono quando possono e a volte proprio quando c'è più bisogno. Il rischio è di avere 33 capi censiti e 4 manovali che portano avanti la baracca. Vi assicuro che lo staff nutrito fa tirare respiro ai capi unità. Magari qualcuno si preoccupa dei rapporti con la parrocchia, qualcun altro di altro e così siamo sempre presenti là dove ci viene richiesto, pur se non siamo sempre gli stessi.
Quando si diventa estremisti si rischia di perdere capi e, non avendo zone a supporto ecco che si attinge dai genitori... entusiasti ma con un vissuto totalmente diverso da quello scout e portano la loro esperienza negli scout.
E' facile formare gli staff sulla carta, il difficile è mantenere sia i numeri che i rapporti interpersonali tra i capi. L'anno scorso abbiamo sdoppiato il reparto dopo un anno di lavori paralleli con la stessa capo reparto (mia moglie)... ebbene la ciambella non è riuscita con il buco, perchè nonostante lo staff seguiva un reparto a regime di 4 squadriglie con forti tradizioni e disponeva della sede storica già attrezzata, ecco che i rapporti interpersonali tra i capi si sono incrinati e solo uno dei tre capi vorrebbe rinnovare l'incarico per l'anno prossimo. A che serve dare disponibilità per minimo tre anni se poi non si va d'accordo?, A che serve fare tanti progetti sulla carta se poi gli aiuti vengono meno e ci si ritrova in pochi e con vedute assai differenti perchè provenienti da vissuti associativi diametralmente opposti e la tensione all'educazione dei ragazzi viene messa in second'ordine perchè salta fuori sempre e soltanto il nostro egoismo di adulti?
Ecco perchè noi cominciamo a dare i "numeri" già da fine maggio per l'anno prossimo e, nonostante tutto le sorprese sono sempre dietro l'angolo.
Speriamo che la ragione e la generosità ci aprano i cuori e gli occhi nel nostro servizio futuro, così come siamo abituati a fare da sempre.
Buona Caccia e Buona Strada
Raffaele
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Venerdì 16 Mag 2008, 14:03    Oggetto: Rispondi citando

Raffaele Natale ha scritto:
Una vita di solo scautismo non si può accettare. A volte ci sono situazioni in gruppo che ci
impegnano più del normale e, per non chiudere i battenti si fa quel che si può...

Sono più dell'idea che il concetto stesso che abbiamo di Capo sia da rivedere.
Provare a dire di no all'ennesimo avvenimento regionale (per lo più di scarsa utilità) e trovarsi occhiatacce addosso come se si fosse dei lavativi non è così infrequente.
Sto riflettendo da un pò di tempo su questo: servire o essere al servizio?
La differenza non è minima.
Per come intendo io, "servire" è mettersi a disposizione per quel che si è, tanto o poco, e con quello lavorare.
Se la pressione invece va oltre e viene richiesto di più, allora si rischia di "essere al servizio", cioè essere in una condizione nella quale se fai di più è probabile che scoppi, se fai quanto ti sei ripromesso (e dato disponibile), è probabile che sei già border-line. In pratica sei in semi schiavitù.
Eppure è così logico che un Capo per essere Uomo in mezzo agli uomini non possa avere una visione del mondo totalizzante.
Se ti affacci sempre e solo dalla stessa finestra, come puoi giudicare il mondo e guidare qualcuno con cognizione di causa?
Top
Raffaele



Età: 61
Segno zodiacale: Gemelli
Registrato: 30/01/06 11:12
Messaggi: 193
Residenza: Matera

MessaggioInviato: Venerdì 16 Mag 2008, 16:11    Oggetto: priorità Rispondi citando

Siamo una piccola regione noi lucani e tutto quello che facciamo è sempre a livello regionale. In branca e/g, oltre agli incontri per capi ci sono gli eventi per ragazzi e, generalmente si tratta dell'Alta Squadriglia e del San Giorgio regionale. In genere si partecipa a questi due eventi in maniera massiccia ma, ogni qual volta decidiamo di fare altro ecco che scattano le priorità, l'abbiamo sperimentato in passato e ricadiamo puntualmente con il cambio della guardia. Al San Giorgio le squadriglie presentano anche i lavori dei guidoncini verdi... l'anno prossimo vorrebbero fare un evento a parte... aggiuntivo. lavoro in più per capi, ragazzi e genitori che ci accompagnano perchè la regione è isolata, specie la domenica. Vallo a dire agli incaricati regionali ventenni, studenti, magari fidanzati in associazione?
Buona Caccia
Raffaele
Top
Sentry





Registrato: 24/10/04 21:22
Messaggi: 524

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 01:39    Oggetto: Rispondi citando

Quando leggo messaggi come quelli di Raffaele (o quando sento questi discorsi dal vivo) mi chiedo: ma allora perchè queste cose esistono e proliferano?
Mi spiego: abbiamo capito che i capi stanno "perdendo troppo tempo" e che molti giovani lasciano perchè il tempo richiesto dal contorno è troppo, troppo sia rispetto al totale del tempo a disposizione sia (a mio avviso soprattutto) rispetto al tempo che alla fine dedichiamo al gioco VERO.
Ma allora come mai a tutte le assemblee, a ogni comitato, convegno, congresso, concheneso si propongono nuovi eventi? nuove strutture?
e soprattutto come mai ogni volta che un capo (o una intera branca) si oppongono ad un evento, ad un ulteriore dispendio di energie di capi e ragazzi, quello stesso capo (o quella branca) verrà additata come nullafacente, disfattista e tutto il resto?
Cosa ci sta sfuggendo dalle mani? E soprattutto: ma chi sta giocando al nostro posto? Cosa/come concretamente possiamo reagire?

Vi racconto solo un episodio, tanto per spiegare ulteriormente se fosse necessario il mio punto di vista.
Zona - Branca L/C:
Inizio anno... incaricati nuovi... decisione della branca: Caccia di Primavera per i Lupetti, i capi si vedono durante le riunioni di zona più una riunione lunga di una giornata, incarichi suddivisi tra gli staf per organizzare gli eventi e le varie riunioni.
Intervengono i resp.di Zona: ok Caccia di primavera, ma poi c'è tal altro evento che va festeggiato e un ulteriore evento al quale i lupetti devono assolutamente partecipare. In più, non è possibile che i capi lavorino per incarichi, bisogna inventare/istituire una pattuglietta che aiuti gli incaricati e poi... non è possibile che i capi LC non facciano una uscita tra di loro!
Morale: 3 eventi per i ragazzi, una uscita (inutile, poco sentita e quindi ovviamente disertata) per i capi e invenzione di una ulteriore struttura (la mitica "pattuglietta") che ovviamente avrà bisogno di riunioni e tempo di rodaggio!
E' tutto tristemente verissimo, recente e documentato/documentabile!
E poi ci meravigliamo se non si trovano mai le persona disposte a rivestire certi ruoli... ma ci credo!
E siamo SOLO al livello zona... poi c'è tutto il resto.
Ma vi sembra logico/possibile?

Come fa un ragazzo che magari ha anche la pretesa di studiare, dare spazio e tempo al proprio fidanzato/a, magari trovarsi un lavoretto per non fare i mantenuto a vita ecc? E non ditemi che è questione di scelte (notare che nella lista di prima non c'è nessun impegno sportivo/ludico o di tipo "viaggio per capire il mondo") perchè se qualcuno sceglie di accantonare una di queste cose per fare scoutismo secondo me non ha proprio capito nulla degli scout!!!
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 07:53    Oggetto: Rispondi citando

Sentry ha scritto:
e soprattutto come mai ogni volta che un capo (o una intera branca) si oppongono ad un evento, ad un ulteriore dispendio di energie di capi e ragazzi, quello stesso capo (o quella branca) verrà additata come nullafacente, disfattista e tutto il resto?
Cosa ci sta sfuggendo dalle mani?

Succede quando si guarda il dito e non la luna Wink
Credo sia tipico di una associazione autoreferente, che si mette spesso sopra a tutto il resto (quante volte viene citato il P.A. come fosse la Bibbia?). Non dimentichiamo che lo scopo è Giocare il Gioco con i ragazzi, non essere al servizio dell'associazione.
Top
Raffaele



Età: 61
Segno zodiacale: Gemelli
Registrato: 30/01/06 11:12
Messaggi: 193
Residenza: Matera

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 08:34    Oggetto: ruoli e pattuglie aggiuntive Rispondi citando

Ciao Sentry...
A volte a livello nazionale come anche a livello regionale e zonale, molti incarichi vengono rivestiti da Quadri con tanto di distintivo omerale ricamato sulla camicia... per chi non avesse capito quale importante ruolo rivesta in associazione, solo in quel tipo di servizio... nelle regioni piccole a volte i quadri sono anche capi unità, capi gruppo, eccetera, eccetera. Il passo giusto lo fa chi è sempre in contatto con la base associativa, vale a dire con i ragazzi, mentre chi non fa servizio con i ragazzi vuole e pretende la partecipazione ad ogni evento organizzato a volte con serietà e dedizione ma che puntualmente va a scontrarsi con la realtà di ognuno di noi.
In passato la parrocchia ci ha chiesto di collaborare, il Cngei e l'altro gruppo Agesci hanno voluto fare con noi un gemellaggio, la tal altra associazione ci ha chiesto di intervenire... non aggiungiamo tanta carne a cuocere altrimenti rischiamo di bruciare tutto o di "bruciare" qualcuno. Come ci siamo comportati? semplice, nei nostri programmi la riunione del sabato sera è diventata fuoco di bivacco con gli altri gruppi scout di Matera, il torneo di pallascout con pernottamento con quelli del Cngei è diventato un normale pernottamento che, invece di farlo da solo va fatto con altri, la normale uscita che si programma tranquillamente per la nostra sola unità può essere pilotata per altri eventi di maggior rilievo. Se volete aggiungere troppo vi renderete conto che solo alcuni mesi dispongono di 5 fine settimana e non è detto che ci siano altre priorità, non solo per i capi ma anche per i genitori ed i ragazzi che alla fine non partecipano più, ovviamente, al 100 per 100. La nostra è una bella associazione che va presa per il verso giusto e, se devo andare a fare servizio in una casa famiglia piuttosto che andare a trovare un vecchio genitore colpito da ictus e con solo un figlio di cui disporre... ecco che, scusatemi, ma preferisco andare da mio padre.
Buona caccia
Raffaele
Top
Zaperman



Età: 37
Segno zodiacale: Bilancia
Registrato: 14/05/08 15:05
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 09:59    Oggetto: non proprio Rispondi citando

noi per fortuna abbiamo un folto gruppo, però quello che ci manca è un posto per il campo. suggerimenti?
Top
sponsor
sponsor
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org