Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


LA RELIGIONE E LO SCAUTISMO....
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Si avvicinò e camminava con loro
Autore Messaggio
Raksha



Età: 34
Segno zodiacale: Pesci
Registrato: 12/02/08 12:54
Messaggi: 316

MessaggioInviato: Sabato 29 Marzo 2008, 19:20    Oggetto: Rispondi citando

Mah.....io sinceramente penso che sia necessario.... Smile
B.P. stesso diceva che "Nessun uomo può essere veramente buono, se non crede in Dio e non obbedisce alle Sue leggi. Per questo tutti gli Scouts devono avere una religione"
Io credo che uno scautismo che prescinda dalla fede sia incompleto....ricordiamoci che noi educhiamo in maniera globale,e in questo tutto rientra anche la fede....non puoi proporre uno scoutismo del tutto estraneo a questo,non sarebbe scutismo secondo me...
Perché?Perché non può mancare, nella crescita globale dell'individuo, una proposta di fede, al di là di quelle che saranno le sue scelte poi...
Voglio dire: la proposta ci deve essere perché la fede rientra nella globalità dell'individuo....se poi la sua scelta sarà quella di escluderla dalla propria vita,questo poi è un altro discorso...

Se ci pariamo dietro alla scusa del "suo tempo" possiamo giustificarci per qualsiasi cosa....potrei perfino dire che anche la Costituzione italiana è figlia del suo tempo,si parla di 60 anni fa in fondo,il periodo storico era diverso....quiindi perché non farsi beffe dell'articolo 3 ad esempio? Rolling Eyes
Top
sponsor
sponsor
porcellinopacifico



Età: 59
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 08/03/07 19:46
Messaggi: 382
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Domenica 30 Marzo 2008, 10:02    Oggetto: Rispondi citando

Raksha ha scritto:
Se ci pariamo dietro alla scusa del "suo tempo" possiamo giustificarci per qualsiasi cosa....potrei perfino dire che anche la Costituzione italiana è figlia del suo tempo,si parla di 60 anni fa in fondo,il periodo storico era diverso....quiindi perché non farsi beffe dell'articolo 3 ad esempio? Rolling Eyes
onestamente mi sembra di avere esposto le mie opinioni con rispetto di quelle altrui. Non mi sembra giusto, se una la pensa diversamente da te, dire che quello è un discorso di comodo. Se leggi B.-P. in inglese, ti accorgi che persino la lingua è molto datata. Questo non significa che io non ritenga la sua opera importantissima proprio per la mia vita e il mio vissuto, da lupetto a capo e poi per sempre. Ma anche per quanto riguarda la costituzione se c'è qualcosa che ritengo vada cambiata mi adopero per una riforma costituzionale. Non significa prendersi beffe della costituzione. Così come non mi prendo affatto beffe di B.-P.
Top
Raksha



Età: 34
Segno zodiacale: Pesci
Registrato: 12/02/08 12:54
Messaggi: 316

MessaggioInviato: Domenica 30 Marzo 2008, 14:17    Oggetto: Rispondi citando

porcellinopacifico ha scritto:
onestamente mi sembra di avere esposto le mie opinioni con rispetto di quelle altrui. Non mi sembra giusto, se una la pensa diversamente da te, dire che quello è un discorso di comodo.

No,no...non ho mai detto questo! (Anzi,mi scuso se ho dato ad intendere questo) Embarassed
Io non sto dicendo che siccome è diverso da ciò che penso io,allora è troppo comodo dire cosi....ci mancgherebbe altro!Ce ne sarebbero di comodità al mondo altrimenti.. Laughing
Sto dicendo che secondo me è troppo superficiale dire "questa o quella cosa son figlie del loro tempo" per poter giustificare che non ci vada bene....in questo modo potremmo giustificare qualsiasi cosa, potremmo prendere solo i punti "che più ci piacciono" o che meglio si associano al nostro pensiero di qualsiasi cosa....
Anche la Bibbia allora è figlia del suo tempo....anche la Costituzione...ma non possiamo, con questo discorso, giustificarci e accettare/rispettare soltanto questo o quel punto...spero di aver fatto intendere ciò che volevo dire... Wink
Top
porcellinopacifico



Età: 59
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 08/03/07 19:46
Messaggi: 382
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Domenica 30 Marzo 2008, 22:34    Oggetto: Rispondi citando

Raksha ha scritto:
Sto dicendo che secondo me è troppo superficiale dire "questa o quella cosa son figlie del loro tempo" per poter giustificare che non ci vada bene....
non dico che la religione nello scautismo non mi va bene perché è figlia del suo tempo.
Dico che è sbagliato riferirsi a B.-P. come se fosse stato immune da errori, oltre tutto lui non si vedeva affatto così, e sebbene per il suo tempo fosse una persona estremamente avanzata in campo educativo, alcune sue idee risultano molto influenzate dal contesto in cui è vissuto. Oltre tutto non vuol dire che automaticamente io consideri sbagliate o superate tutte queste idee. Ma il fatto rimane.
Io, tra l'altro, non cerco giustificazioni per dire che preferisco questo o quello, se questo o quello rappresentano il mio pensiero. Mi autogiustifico Very Happy

Ritornando IT cerco di spiegarmi meglio.
La proposta di uno scautismo che comprenda anche non credenti tra i capi e non si occupi della crescita religiosa dei ragazzi, io la vedo in positivo non per l'eliminazione effettuata, ma piuttosto per l'allargamento che otteniamo.
Cerchiamo di educare bravi cittadini (sia credenti che non credenti)?
La società si presenta sempre più come secolarizzata?
E' opportuno che certi valori siano condivisi tra credenti e non credenti?
Secondo me, a differenza di B.-P., uno può essere un ottimo cittadino anche se è non credente, e dobbiamo vivere tutti fianco a fianco e sarebbe bene che condividessimo la maggior parte dei valori anche se non condividiamo la fede.
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 34
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Domenica 30 Marzo 2008, 23:15    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Cerchiamo di educare bravi cittadini (sia credenti che non credenti)?


voglio tendere a educare un bravo cittadino che faccia le sue scelte.
Ma che da me capo abbia anche diritto a un capo testimone delle sue scelte e coerente con l'associazione che lo accoglie.
Top
porcellinopacifico



Età: 59
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 08/03/07 19:46
Messaggi: 382
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Lunedì 31 Marzo 2008, 08:21    Oggetto: Rispondi citando

rinoceronte caparbio ha scritto:
Ma che da me capo abbia anche diritto a un capo testimone delle sue scelte e coerente con l'associazione che lo accoglie.
sono perfettamente d'accordo. Infatti non sostengo che vadano "abrogate " le associazioni scout confessionali o altre.
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Lunedì 31 Marzo 2008, 08:48    Oggetto: Rispondi citando

Il mio intervento con la (o il?) Cristowicca aveva un intento:chi decide cosa è fede e cosa no?
Giustamente Aureliano fà l'esempio del cavetto Usb, e senza andare troppo lontano, guardate questo: http://www.thechurchofgoogle.org/
Ora il punto è che se è evidente che queste siano idee bislacche, una cosa come Cristowicca è su un confine molto ma molto più sottile. Quali sono gli indici che misurano l'idea bislacca? Suppongo che anche ai tempi di Gesù le sue idee fossero viste come bislacche, eppure...
Torniamo però allo Scoutismo. Se lo Scoutismo non fa distinzione di religioni, allora da un punto di vista Scout il mio interlocutore "Cristowicchiano" merita lo stesso rispetto che dò ad un interlocutore Protestante? O di altra religione?
E' vero che un pinco qualunque può svegliarsi una mattina e dire di essere un profeta, ma questo è valido in ogni tempo. Per esempio: http://it.wikipedia.org/wiki/Bahaismo (Nota: gli Scout Bahai esistono!).
Alla luce di tutto questo, una volta di più, come conciliare il rispetto dovuto ad altri fedeli con la nostra concezione di Scouts al 90 % cattolici?
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 34
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Lunedì 31 Marzo 2008, 12:36    Oggetto: Rispondi citando

ma non si tratta secondo me di giudicare la religione...inoltre la mia concezione dello scoutismo non è prettamente cattolica...certo, io mi sento "facilitato", perchè secondo me è un modo di mettere in pratica certe cose nelle quali credo...
Top
porcellinopacifico



Età: 59
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 08/03/07 19:46
Messaggi: 382
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Lunedì 31 Marzo 2008, 21:51    Oggetto: Rispondi citando

il problema non è giuducare le religioni.
Bisogna tuttavia capire che l'essere religiosi non è necessariamente una garanzia di serietà,
Né una garanzia di spiritualità
Top
sponsor
sponsor
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Martedì 01 Aprile 2008, 08:08    Oggetto: Rispondi citando

porcellinopacifico ha scritto:
il problema non è giuducare le religioni.
Bisogna tuttavia capire che l'essere religiosi non è necessariamente una garanzia di serietà,
Né una garanzia di spiritualità

Beh, non si può dire che non abbiano una loro spiritualità. E' solo diversa dalla nostra, ma in fondo ogni religione ha una spiritualità diversa da un'altra. Il mio personale metro di misura è la qualità di questa spiritualità.
Come dicevo in passato in altro topic, se uno è della religione della pianta di rosmarino e questo lo mette su una strada positiva di spiritualità, io chi sono per dire che la sua religione è meno religione della mia?
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 34
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Martedì 01 Aprile 2008, 12:12    Oggetto: Rispondi citando

come diceva il buon BP, ci vuole buonsenso...
Top
DiavolettoCustode





Registrato: 25/11/07 06:31
Messaggi: 19
Residenza: Il mondo

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 06:54    Oggetto: Re: LA RELIGIONE E LO SCAUTISMO.... Rispondi citando

PREMESSO QUESTO VOLEVO CHIEDERVI:

- Non è forse arrivato il momento di dare alla religione un ruolo "Secondario" rispetto all'attività educativa che Noi Capi
facciamo sui ragazzi? Se pure l'AGESCI è un associazione cattolica. Cioè siamo nel 2008 conviviamo giornalmente
con altre culture e religioni...io credo che lo scautismo sia per tutti. Ma ancora oggi sento di capi gruppo che fanno
"riunioni" per decidere se accettare nel proprio branco o reparto un ragazzo di CREDENZE diverse dalle nostre....perchè si
sentirebbe isolato da gran parte delle attività!



Salve.
Forse ragiono troppo da AE ma mi chiedo quella “C” di AGESCI che ci sta a fare? Non significa forse Cattolici???

A costo di sembrare estremista… a chi non sta bene può andare al CNGEI.

Per quel che riguarda i fratelli di altre fedi sono sempre i benvenuti (se non sbaglio, e qui correggetemi, solo dai capi è richiesta un’esplicita scelta cristiana), nel mio branco per un periodo c’è stato un lupetto mussulmano, e devo dire che per tutti noi è stata un’esperienza molto bella, anche per lui. Certo siamo stati tutti attenti a farlo sentire come a casa, fra amici, poi per motivi suoi, totalmente indipendenti dalla vita di branco, ha lasciato, ancora il branco ne sente la mancanza.

Ma la mia provocazione è un’altra… (e qui permettetemi di alzare la voce, vi chiedo scusa)
POSSIBILE CHE DOBBIAMO ESSERE SEMPRE NOI CRISTIANI A CEDERE… POSSIBILE CHE DOBBIAMO SEMPRE SACRIFICARE LA NOSTRA CULTURA, LA NOSTRA FEDE E LE NOSTRE TRADIZIONI IN NOME DI UN’INTEGRAZIONE… (qui divento un po’ razzista)
Scusate, Amici miei, ma sfioriamo il ridicolo se noi capi (e qui parlo nuovamente del patto associativo) non siamo convinti di quello che facciamo, e delle motivazioni che ci spingono a far parte di un’associazione cattolica, anzi Cattolica (riconosciuta dalla CEI).

Buona Strada…
Baloo
Top
BOBOMAN



Età: 55
Segno zodiacale: Bilancia
Registrato: 15/11/07 01:30
Messaggi: 1076
Residenza: Far West

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 08:20    Oggetto: Rispondi citando

Caro Diavoletto custode....
Vado immediatamente al dunque.
Sul "A costo di sembrare estremista… a chi non sta bene può andare al CNGEI"
Non commento nemmeno,e per quello che riguarda il fatto (tutte cose ripetute in tanti topic) che il CNGEI è veramente poco diffuso per aiutarci a trovare "soluzioni alle nostre magagne".....e questa GRANDISSIMA OCCASIONE dello Scoutismo và offerta a tutti.
Inoltre sono per un unica associazioe mondiale ....aperta a tutti e rispettosa di tutti ....MA UNICA...come in fondo avrebbe voluto B.-P.
Sul fatto che dici,invece,che dobbiamo essere noi Cristiani a cedere
1° Bisogna vedere cosa intendi per cedere,perchè accettare nella mia comunità una persona che,aderendo allo Scoutismo(di chiara matrice Cristiana...noi non ce ne rendiamo conto ,ma per altri certe visioni...non sono immediate,vi è già un accettazione) aderisce in linea di principio ai dettati della mia religione,trovo sia un atto grandissimo...accettarlo è il MINIMO.
Poi cedere....ripetuto questo MILLE VOLTE....se si è SCOUT fino in fondo NESSUNO può imporre nulla quindi non vi è materia del contendere nel senso che non devo cedere NULLA ma integrare,sviluppare e trovare nuove vie INSIEME (sono o no un Esploratore o meglio PATHFINDER=Cercatore di sentieri / cammini).

2° Mi meraviglio (purtroppo) per risposta alla domanda "Devo essere sempre io a cedere"
Si,Si e mille volte si.....se credi veramente e profondamente in quel che ami e professi SI...nell'esempio vivente che ci è stato dato SI,
Se crediamo (anche se presupponenti) che la nostra religione è la migliore dobbiamo seguire i suoi dettami fino in fondo ed essi parlano ...D'AMORE,RISPETTO,TOLLERANZA,FRATELLANZA e SACRIFICIO....
La nostra è una religione "MASOCHISTA" (detto in senso affettuoso) ma non la cambierei mai ,al limite la integro con aspetti attinenti.
Io son convinto che essa ha i suoi cicli,voluti da un disegno a noi sconosciuto,alti e bassi...ma è un cuore che pulsa sempre...
e anche quando sembrerà che essa possa tramontare,ridimensionarsi o peggio soccombere.....rinascerà piu forte di prima.
Il male ha sempre fatto cosi le TENEBRE son sempre destinate a far spazio alla LUCE....

Snoaring Bear

Orso Ronfante

Orig.Gil.'85
Top
gufopreciso



Età: 32
Segno zodiacale: Toro
Registrato: 24/12/07 12:37
Messaggi: 909
Residenza: Genova-Voltri

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 08:50    Oggetto: Re: LA RELIGIONE E LO SCAUTISMO.... Rispondi citando

DiavolettoCustode ha scritto:
Per quel che riguarda i fratelli di altre fedi sono sempre i benvenuti (se non sbaglio, e qui correggetemi, solo dai capi è richiesta un’esplicita scelta cristiana), nel mio branco per un periodo c’è stato un lupetto mussulmano, e devo dire che per tutti noi è stata un’esperienza molto bella, anche per lui. Certo siamo stati tutti attenti a farlo sentire come a casa, fra amici, poi per motivi suoi, totalmente indipendenti dalla vita di branco, ha lasciato, ancora il branco ne sente la mancanza.


Esatto il PA richiede solo ai capi un'esplicita scelta cristiana. Ed è lo stesso patto associativo che ci chiede di essere aperti ad accettare ragazzi di altre relgioni e culture (con il necessario che comporta, evitando il proselitismo e lo smiuire la carrateristica di essere associazione confessionale), come richiestoci da WOSM e a suo tempo da Giovanni Paolo II.
Top
elfo





Registrato: 05/03/07 11:40
Messaggi: 1399

MessaggioInviato: Lunedì 19 Mag 2008, 10:41    Oggetto: Re: LA RELIGIONE E LO SCAUTISMO.... Rispondi citando

E' vero che la scelta cristiana è richiesta ai Capi, ma è anche vero che questo non lo si fa perché si ritiene che un Capo cristiano sia più bravo a fare nodi rispetto a un Capo musulmano.

Il Patto Associativo AGESCI prevede che le unità siano aperte anche ai ragazzi di altre confessioni religiose:

"In una realtà sempre più multiculturale cogliamo come occasione di crescita reciproca l'accoglienza nelle Unità di ragazze e ragazzi di altre confessioni cristiane, nello spirito del dialogo ecumenico, e di altre religioni, nell'arricchimento del confronto interreligioso."

però la proposta educativa sarà comunque esplicitamente cristiana:

"La Comunità Capi propone in modo esplicito ai ragazzi, con il metodo e la spiritualità che caratterizzano lo scautismo, l'annuncio di Cristo, perché anch'essi si sentano personalmente interpellati da Dio e gli rispondano secondo coscienza."

e questo costituisce un compito proprio dell'associazione:

"L'AGESCI si propone come associazione di frontiera, che spesso rappresenta per molti ragazzi l'unica occasione di ricevere un annuncio di fede."


Per quanto riguarda il discorso portato avanti da DiavolettoCustode e Boboman, penso che vi siano dei valori religiosi e culturali sui quali non dobbiamo cedere, anche perché un conto è porgere l'altra guancia, un altro è rinnegare Cristo tre volte...
Come ha detto due giorni fa Papa Benedetto XVI, le sfide del cristianesimo oggi sono quelle del materialismo, relativismo, e laicismo.
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Si avvicinò e camminava con loro Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Pagina 8 di 9


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org