Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


Alcool nella sezione
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi
Autore Messaggio
jumpjack





Registrato: 19/03/07 18:00
Messaggi: 197

MessaggioInviato: Giovedì 22 Marzo 2007, 14:48    Oggetto: Re: Alcool nella sezione Rispondi citando

marco76 ha scritto:
Ciao sono Marco e faccio parte di una sezione di scout Svizzera.
La mia domanda è semplice, ma la risposta non é molto facile da dare,
vorrei sapere se qualcuno ha già affrontato questo problema, se del caso
come é stato risolto e con quali metodi.

P.S. Io faccio fatica a far passare dei messaggi agli altri capi della mia
sezione, visto il divario di età.

Ringrazio sin d'ora chi vorrà rispondermi e vi saluto con una stretta di
sinistra.

per "problema" intendi che bevono talmente tanto che poi incominciano a urlare, ridere e raccontarsi barzellette sconce mentre di la' i ragazzi dormono?
Oppure "sbevacchiano" un po' mentre chiacchierano sottovoce? Question
Top
sponsor
sponsor
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 37
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Giovedì 22 Marzo 2007, 15:16    Oggetto: Rispondi citando

tuitt ha scritto:
occorre che i "superiori" controllino e mandino a letto la persona in questione.


Mi auguro piuttosto che si faccia un percorso per questo non-educatore per fargli capire che ha un problema....
Top
tuitt



Età: 44
Segno zodiacale: Cancro
Registrato: 21/06/06 12:37
Messaggi: 281
Residenza: Canobbio (Lugano - Svizzera)

MessaggioInviato: Giovedì 22 Marzo 2007, 16:52    Oggetto: Rispondi citando

Beh, Rinoceronte, come dice marco76 è difficile far passare il messaggio del "io bevo la mia birretta ma non mi ubriaco" vista la differenza di età, o forse anche a causa di altri fattori...

E qui potrei tirar fuori la classica frase "i ragazzi non son piu quelli di una volta... non hanno i valori che avevamo noi alla loro età..."

Beh, probabilmente quando noi eravamo "bocia" i grandi dicevano la stessa cosa...
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Giovedì 22 Marzo 2007, 17:01    Oggetto: Rispondi citando

rinoceronte caparbio ha scritto:
tuitt ha scritto:
occorre che i "superiori" controllino e mandino a letto la persona in questione.


Mi auguro piuttosto che si faccia un percorso per questo non-educatore per fargli capire che ha un problema....


Forse sono troppo drastico, ma su questi temi agirei nel seguente modo:
1. Hai un problema
2. Definisci in quanto tempo pensi di risolverlo
3. Verifica a scadenza
4. (Eventuale) allontanamento

In questo modo si prende atto di un problema, si da anche la possibilità di risolverlo ma non ci si ripiega su posizioni accomodanti e non educative che pregiudicano l'esempio.
Il vero capitale di un capo è l'esempio. Se quello è deleterio e non risolvibile bisogna agire alla radice per evitarne la propagazione.
Top
jumpjack





Registrato: 19/03/07 18:00
Messaggi: 197

MessaggioInviato: Giovedì 22 Marzo 2007, 17:20    Oggetto: Rispondi citando

State gia' proponendo soluzioni, ma non è ancora stato chiarito se C'E' un problema!
"Bere" in se' non è mica un problema! O gli Scout devono essere astemi per mandato? E non penserete mica che se un bambino vede un adulto con un bicchiere di birra in mano penserà che è un ubriacone, o che deve imitarlo??? Confused
Io personalmente bevo solo... un po' di champagne a capodanno, per il resto vado ad acqua, ma non per questo penso che chi beve sia "sbagliato"!
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Giovedì 22 Marzo 2007, 18:20    Oggetto: Rispondi citando

Vero, Jumpjack, ma solitamente se viene sollevato un problema è perchè non ci si limita alla birretta ma si arriva alla sdraio. Cosa questa purtroppo accaduta anche nella mia esperienza.
Anch'io vado ad acqua....ogni tanto con mezzo limone dentro alla caraffa...
Top
marco76



Età: 46
Segno zodiacale: Aquario
Registrato: 03/09/06 14:32
Messaggi: 13
Residenza: Giornico, Ticino(Svizzera)

MessaggioInviato: Venerdì 23 Marzo 2007, 00:06    Oggetto: Rispondi citando

Vorrei rispondere a molti di voi, e ringraziare uomodelbosco.

Partiamo sempre dal fatto che fare attività é e deve essere un piacere,
altrimenti non avrebbe senso che si faccia. Ma il piacere non deve essere
solo personale, ricordiamoci che abbiamo scelto noi di fare i capi, con
tutto quello che ne viene.
Sono d'accordo che se un bambino vede un'adulto bere, non per questo
diventerà un'alcoolizzato, ma é anche vero che noi capi poertiamo il
nostro esempio ai ragazzi che ci circondano.

Quando gli esploratori passano a pionieri, cosa si aspettano?

Birra, maggiore libertà, possibilità di infrangere le regole che esistono
nella famiglia, potrei continuare ancora.
Ma se noi portiamo un'esempio scoutistico, quale sarà il risultato?

Certo molti dicono che un bicchierino non fa male, ma dove é scritto che
é corretto nei confronti dei giovani che ci vengono affidati dai genitori
che credono in noi?

Non crediate che sono un puritano, ma quando nella vostra sezione
vedete che la cosa più importante nel fare attività é preoccuparsi di
avere scorta di alcool a sufficenza, forse anche voi iniziate a ragionare
come me.
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 37
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Venerdì 23 Marzo 2007, 01:54    Oggetto: Rispondi citando

marco76 ha scritto:
quando nella vostra sezione
vedete che la cosa più importante nel fare attività é preoccuparsi di
avere scorta di alcool a sufficenza, forse anche voi iniziate a ragionare
come me.

B'è, forse bisognerebbe parlarne con i quadri associativi (capo sezione, e chi ci sta sopra..), perchè alora tanto normale non è.
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Venerdì 23 Marzo 2007, 09:12    Oggetto: Rispondi citando

rinoceronte caparbio ha scritto:
marco76 ha scritto:
quando nella vostra sezione
vedete che la cosa più importante nel fare attività é preoccuparsi di
avere scorta di alcool a sufficenza, forse anche voi iniziate a ragionare
come me.

B'è, forse bisognerebbe parlarne con i quadri associativi (capo sezione, e chi ci sta sopra..), perchè alora tanto normale non è.


Non so quanto possa essere dimensionata l'associazione, ma è facile che agli "alti livelli" non si comprenda bene l'entità del problema che invece è molto chiaro a chi ci vive a contatto.
Ripeto i pochi punti elencati prima, ma è evidente che quel modo di muoversi è possibile se i bevitori sono una minoranza, dato che se tutta la CoCa è alcolista c'è poco da fare se non, appunto, andare "più in alto".
Non ultimo, e non lo trovo un difetto, dissociarsi e andarsene in altro gruppo. E' un segnale non da poco che ritengo venga recepito anche dai ragazzi.
Top
sponsor
sponsor
gabriella60



Età: 62
Segno zodiacale: Capricorno
Registrato: 23/03/07 21:26
Messaggi: 55
Residenza: to

MessaggioInviato: Lunedì 02 Aprile 2007, 01:24    Oggetto: alcool in sezione? Rispondi citando

ciao ,se ho capito bene gira alcool tra i capi, anche nella mia sezione gira alcool tra icapi, fino a poco tempo fa non ci facevamo caso, sono adulti dicevamo, sanno quello che fanno e poi sono scaut, ma non è così che funziona , e il tempo da ragione , se un capo ha la responsabilità educativa , soprattutto su minori , non è giusto che beva, anche solo un goccino mentre i pupi dormono, e se uno di loro si sveglia per malore o qualsiasi cosa chi va a soccorerlo che non puzzi d'alcool?
... e come spiegare ai neo adolescenti che l'alcool non fa assolutamete bene, soprattutto lo capisci quando i tutoi ex lupi sono diventati capi e ti dicono che hanno pensato che il tuo vice non fosse proprio un esempio visto *Le abbreviazioni non si leggono. Scrivi in italiano corretto, per favore...* puzzava di birra, oppure che un esploratore che ha un problema a casa con uno zio alcolista e conosce bene odori ed effetti e per la sua esperienza non vede tutto così innocentemente la cosa
Top
actaris



Età: 48
Segno zodiacale: Gemelli
Registrato: 24/09/06 16:57
Messaggi: 111
Residenza: Villanova 1

MessaggioInviato: Lunedì 02 Aprile 2007, 12:23    Oggetto: Rispondi citando

Alcolismo.
Droga.
Dipendenze.
La questione è delicata e non può essere facilmente affrontata in modo generalizzato.
Proviamo con degli esempi pratici.

L'eroina.
Penso che tutti sappiano che la parola eroina è sinonimo di veleno mortale, dolore e orrore. Chi potrebbe aggiungere un “MA” alla mia frase precedente?
Spero nessuno. La droga pesante è veleno, è morte. Sempre.

La Cannabis.
Negli ultimi anni la quantità di principio attivo presente nella Mariuana è cresciuta esponenzialmente. Inoltre, si sono chiariti alcuni dei meccanismi di funzionamento di questa droga. Che è risultata devastante per la neurochimica degli adolescenti. In pratica lo stesso spinello fumato da un quindicenne e da un trentenne ha effetti diversi per tossicità. Un adolescente che faccia un uso anche saltuario di cannabis mette a serio rischio la propia salute mentale, mentre un adulto no.

Il caffè.
Per favore, non sorridete. Ho conosciuto personalmente ragazzi il cui cammino verso l'eroina non è iniziato con la mariuana, ma con il caffè.
E' legale.
Sembra innocuo.
Lo è.
A patto di non berne 20 tazzine.
E iniziamo a introdurre una discriminazione: la quantità.

Le sigarette.
Le sigarette sono legali, anche se ne è teoricamente proibito il consumo per i minorenni. Sono un veleno letale.
Fa male fumare 2 pacchetti di sigarette al giorno? Sicuramente si. Meno di fumarne 5. Ma anche una sola sigaretta al giorno, anche una sola sigaretta all'anno produce danni incalcolabili al nostro organismo e a quello di chi ci circonda.

L'Alcool.
Veniamo al punto. L'alcool è un alimento ma non è un farmaco.
Vi garantisco che mangiare solo patatine fritte per sei mesi di seguito vi provocherebbe una mortale cirrosi.
Bere alcool in quantità smodata porta alla morte: per malattie, per incidenti, per l'abrutimento dello spirito dell'alcolista.
Bere alcool nei modi, nelle quantità e nei giusti tempi può portare a vantaggi per la salute.
Cosa significa in pratica “il modo giusto”?
Per prima cosa occorre rispettare i termini di legge e mantenersi scruplosamente al di sotto dei limiti consentiti dalla legge per la guida.
Questo penso sia fondamentale.
Poi occorre informarsi: la reazione all'alcool è estremamente soggettiva.
Ma penso che se il pranzo domenicale viene accompagnato da un bicchiere di buon rosso o la pizza da una bottiglietta di birra non solo non si corre alcun rischio per la propria ed altrui salute ma si contribuisce al mantenimento di una buona forma.
Andare oltre porta a varcare una pericolosa soglia.
Ora, alla fine di tutta la pappardella qual'è il dovere di un capo?
Ovviamente spiegare ai suoi ragazzi la pericolosità delle sostanza psicotrope e tenerli lontani dai guai.
Purtroppo le politiche rigidamente proibizioniste sortiscono spesso l'effetto contrario. Io vorrei tanto essere capace di trasmettere ai ragazzi il contenuto di quanto esposto sopra, ossia state lontani dalle droghe e imparate a consumare alcolici in maniera responsabile e salutare, ma temo sia un messaggio difficile da trasmettere, troppo soggetto ad equivoci e cattive interpretazioni.
Mi limito a non bere mai durante le attività ma così facendo appaio 'proibizionista' con tutti i relativi limiti.
Mi piacerebbe insegnare l'uso consapevole dell'alcool, ma è un compito al di sopra delle mie possibilità.
Top
giacco





Registrato: 12/03/07 10:19
Messaggi: 82

MessaggioInviato: Lunedì 02 Aprile 2007, 13:17    Oggetto: Rispondi citando

Salve a tutti
io a differenza di molti di voi non vado solo ad acqua.
In COCA durante gli incontri qualche bottiglia gira,ma devo comunque dire che non ho mai assistito a degli eccessi.
Penso altresi che si dovessero verificare,sarà responsabilità di tutta la COCA arginare il problema nel momento in cui si presenta,mettendosi in discussione immediatamente.
La stessa cosa la penso per le staff (al campo o in sede).
Forse noi siamo stati fortunati, in COCA abbiamo affrontato il problema se i capi possono o non possono bere vino durane le uscite con i ragazzi a pasto e di comune accordo si è accettato di poter bere vino.
Sono daccordo che se dovesse manfestarsi un problema del genere le soluzioni da prendere debbano essere decise ed immediate.
Ma mi chiedo anche: la COCA quando ha accettato nella propria comunità un capo che si comporta in tale modo, ha chiarito,a tale persona,"le regole" e le resposabilità a cui va incontro?
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Lunedì 02 Aprile 2007, 13:28    Oggetto: Rispondi citando

Scusate un momento, ci stiamo lanciando con le teorie e le soluzioni più diverse (io stesso...) ma ancora non si è capita la domanda.
Ci vuole una domanda precisa per proporre punti di vista costruttivi.
Aspetto...

actaris ha scritto:
Mi limito a non bere mai durante le attività ma così facendo appaio 'proibizionista' con tutti i relativi limiti.
Mi piacerebbe insegnare l'uso consapevole dell'alcool, ma è un compito al di sopra delle mie possibilità.

Perchè dici che è sopra le tue possibilità? Tu stai facendo quel che si richiede ad un Capo: dare l'esempio.
Cosa vorresti fare di più che non ti è possibile?
Certo che viene difficile se sei l'unico e se gli altri invece...ma è proprio così che qualcuno comincerà a domandarsi il perchè della tua diversità.

Io sono vegetariano, e tante volte la cosa suscita curiosità o sorrisetti.
E' un mio problema? Io seguo la strada che ho scelto, dò l'esempio che a me sembra corretto (non mangiare esseri senzienti che provano dolore), e se qualcuno chiede io spiego.
Non posso aggredire tutti coloro che mangiano una bistecca, altrimenti il mio messaggio passerebbe negativamente, e nemmeno vado in giro con un cartello.
La migliore pubblicità sono io stesso: faccio palestra quotidianamente, sono sano, non sono smagrito con l'aria sofferente, non è vero che mangio solo insalata...
Ogni tanto qualcuno ci riflette...
Top
actaris



Età: 48
Segno zodiacale: Gemelli
Registrato: 24/09/06 16:57
Messaggi: 111
Residenza: Villanova 1

MessaggioInviato: Lunedì 02 Aprile 2007, 14:21    Oggetto: Rispondi citando

uomodelbosco ha scritto:

Perchè dici che è sopra le tue possibilità? Tu stai facendo quel che si richiede ad un Capo: dare l'esempio.
Cosa vorresti fare di più che non ti è possibile?


Io penso che proibire l'uso dell'alcool sia sbagliato. Penso che anche in attività si possa bere proprio perché l'alcool è un alimento. Penso che fare di tutt'erba un fascio sia un grave errore.
Tuttavia un corretto rapportarsi a ragazzi, altri capi e genitori è davvero davvero davvero difficile. La via più semplice è nel non bere nulla in Servizio. Il problema è che per affrontare in maniera costruttiva il discorso coi ragazzi prima bisogna fare un lungo lavoro preparatorio in Co.Ca. Vedremo se ciò sarà possibile.
Dopotutto, l'alcolismo giovanile è una piaga crescente. Diciamo che al CFA un'idea su come affrontare certe tematiche vorrei poterla apprendere.
Insomma, temo che quella dell'Alcool sia una patata bollente...
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Lunedì 02 Aprile 2007, 15:24    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Penso che anche in attività si possa bere proprio perché l'alcool è un alimento. Penso che fare di tutt'erba un fascio sia un grave errore.

Posso essere anche d'accordo, ma sono ben pochi coloro che vedono nel fiasco un alimento.
Non dimentichiamo che le cose possono essere positive/negative in base al loro "uso sentito" e la maggior parte di noi fanno l'associazione alcool=sostanza pericolosa, ma ben pochi farebbero Freisa=sostanza pericolosa, mentre forse qualcuno di più farebbe Barbera=sostanza pericolosa perchè più facilmente associata allo stereotipo dell'ubriacone da osteria.
Quando ero piccino davanti a casa mia c'era un cartello della Società stradale: "Precedenza non esclude prudenza. Nel dubbio non sorpassare."
Quando sono nel dubbio...non sorpasso Wink
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org