da PE: I ragazzi hanno bisogno di una "guida"
visualizza i messaggi da
# a # FAQ
[/[Stampa]\]

Scout C@fé: Il Forum degli Scout -> Comunità Capi

#1: da PE: I ragazzi hanno bisogno di una "guida" Autore: akela_xxResidenza: Genova MessaggioInviato: Domenica 07 Ottobre 2012, 20:24
    —
linko un'interessante lettera pubblicata sul sito di proposta educativa


io sono abbastanza d'accordo con quanto scritto. o meglio..
mi pare che le due opzioni abbiano pro e contro:

asci-style: un metodo troppo rigido, con prove da superare ben definite e standardizzate finisce per limitare lo spazio di azione del capo. se chiediamo di fare del proprio meglio, e non IL meglio in assoluto, le "prove" devono essere in qualche modo personalizzate. è però vero che in questo modo consenti di far bene scoutismo anche a capi mediocri.

agesci-style: un metodo troppo personalizzabile finisce per creare situazioni come quelle descritte nella lettera. prove personalizzate consentono di tarare il livello della proposta su ogni ragazzo, che necessariamente è diverso dagli altri.
. capi i gamba fanno comunque fare un buon scautismo ai propri ragazzi (vedi risposta di chiara panizzi), ma capi mediocri purtroppo no..

quindi? cos'è meglio?

#2:  Autore: elfo MessaggioInviato: Domenica 07 Ottobre 2012, 21:10
    —
Il Metodo in salsa AGESCI sarebbe meglio se i Capi fossero preparati. Purtroppo spesso vi sono Capi con poca preparazione e tanta fantasia, e se pure la soluzione dovrebbe essere una migliore Formazione Capi, anche in quel settore spesso c'è tanta fantasia. Prendiamo per esempio l'ultima moda di suggerire di dare il Fazzoletto prima al ragazzo prima che abbia fatto la Promessa. Al di là che personalmente la ritenga un'aberrazione, dimostra che anche lì vengono spacciate per Metodo cose che non stanno scritte da nessuna parte, e che sono convinzioni o deduzioni personali di qualcuno.

#3:  Autore: paciock87Residenza: Romano MessaggioInviato: Lunedì 08 Ottobre 2012, 11:59
    —
Questa storia degli indicatori si è spostata sulle specialità ed i brevetti, strumenti più consoni per questo tipo di proposta... Strumenti validissimi per questo di approccio, dove non c'è molto margine per l'interpretazione personale perchè per essere cuoco devi saper cucinare, per essere pennese devi saper fare i nodi e così via...

Il problema è che si da troppa importanza alla pista, sentiero, pds e così via, come se fosse lo strumento di crescita cardine dello scoutismo quando in realtà è solo uno dei tanti... E' il capo che indirizza il ragazzo e lo mette nella sua migliore condizione sfruttando le carte che ha in mano, che può essere anche una specialità o come semplicemente portare il totem...

Lo dicono anche ad i campi agesci, la Progressione Personale è tutto, dall'essere capo squadriglia a lavarsi i denti prima di andare a dormire... Penso che la nostra associazione ci abbia fornito di talmente cartucce da mettere in canne che lamentarsi che non siano abbastanza o inadeguate vuol dire non averle approfondite bene oppure non aver capito a pieno i nostri ragazzi...

#4:  Autore: elfo MessaggioInviato: Lunedì 08 Ottobre 2012, 13:13
    —
Mi spingerò ai limiti dell'eresia, ma io penso che se un Capo ha un'ottima conoscenza e padronanza del Metodo può fare un'eccellente Progressione Personale senza seguire pedissequamente gli strumenti del Metodo concepiti dall'AGESCI (tutto il racconto Giungla, Prede, Mete/Obiettivi, Capitolo, ecc.) pur rimanendo dentro l'associazione.
Vedo invece tante altre storture da parte di chi applica gli strumenti alla lettera, così come appreso dai campi di formazione, senza riuscire a comprendere a fondo ciò che è Scautismo.
Che senso ha, per esempio, avere Lupetti infermieri o l'infermiere in Squadriglia, se poi le medicazioni le applicano tutte i Capi? Allora la Specialità, presa con tutti i crismi dell'associazione è solo un traguardo fine a sé stesso, una patacca da cucirsi addosso?

#5:  Autore: rinoceronte caparbio MessaggioInviato: Martedì 09 Ottobre 2012, 14:00
    —
Citazione:
Che senso ha, per esempio, avere Lupetti infermieri o l'infermiere in Squadriglia, se poi le medicazioni le applicano tutte i Capi? Allora la Specialità, presa con tutti i crismi dell'associazione è solo un traguardo fine a sé stesso, una patacca da cucirsi addosso?


a manetta.



Scout C@fé: Il Forum degli Scout -> Comunità Capi

Pagina 1 di 1

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group