Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


Scout Rosarno 2
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 12, 13, 14 ... 24, 25, 26  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi
Autore Messaggio
gufopreciso



Età: 33
Segno zodiacale: Toro
Registrato: 24/12/07 12:37
Messaggi: 909
Residenza: Genova-Voltri

MessaggioInviato: Martedì 14 Febbraio 2012, 09:36    Oggetto: Rispondi citando

rinoceronte caparbio ha scritto:
posto che mi sembra piccola come zona (noi siamo 12, copriamo l'intera provincia di verona ma mi sembra di essere sempre pochini)


Dipende dalle scelte di organizzazione della Regione, in Liguria nessuna Zona è cosa ampia: siamo 9 Zone e le due più numerose hanno 9 gruppi. Nella mia siamo in 7 e siamo anche territorialmente molto piccoli.

Citazione:
Inoltre, sappiate che la scelta di far gestire la zona dal comitato è contro lo statuto...


Visto che nella situazione si parlava di Consiglio, suppongo volessi scrivere Consiglio. Se così è, non è affatto contrario allo Statuto, anzi: Art 28 punto H: [il Consiglio di Zona è convocato per] assumere i compiti del Comitato, qualora deliberato in tal senso dall’Assemblea, affidando a membri del Consiglio stesso gli incarichi alle Branche e quelli previsti in base al Progetto di Zona a membri del Consiglio stesso.

Glaxo ha scritto:
Io penso che l'Agesci non si è premurata di curare i ragazzi del Rosarno2 perchè doveva tutelare se stessa , vano è stato il tentativo della Coca di avere un confronto, la Zona come dice Antonio ,nel momento in cui aveva deciso di farlo è stata bloccata dalla Regione, purtoppo (come già detto) il Resp. Regionale è di Rosarno e aggiungo che la moglie è nella Foca o nel comitato Regionale (anche lei di Rosarno) per cui posso dirlo con certezza che parte della Regione era contro il gruppo Rosarno2 (Vedi email iviata a tutti i capi Calabresi per giustificare la chiusura del gruppo a firma di entrambi)


Posto che mi sembra abbastanza evidente il problema del ragazzi in un certo senso "abbandonati" alle difficoltà del territorio; devo dire però che finora non riesco a vedere nessuna situazione oggettiva che sottolinei una volontà persecutoria della regione contro il Rosarno2, se non opinioni personali e molte cose sono descritte avendo questo concetto a priori, e quindi attraverso quelle lenti (ad esempio la "malizia" negli occhi dei responsabili regionali nell'incontro a Reggio Calabria). Non voglio dire che "non sia così" o che si stia mentendo, ma che non posso credere che ci sia stato dai quadri regionali un atteggiamento di questo tipo che dovrebbe essere alieno, e le spiegazioni finora portate non mi sembrano "definitive".

Tuttavia trovo interessanti tutte queste testimonianze portate.
Top
sponsor
sponsor
franzos79





Registrato: 03/09/08 15:34
Messaggi: 324

MessaggioInviato: Martedì 14 Febbraio 2012, 13:28    Oggetto: Rispondi citando

L'ultima risposta di Glaxo credo che riaccenda la necessità di riflettere sulla sostenibilità della struttura associativa. Come struttura, al di là delle distorsioni che mi pare qui nascano sia dalla pressione dei mass-media sia forse da rapporti interpersonali fra i vari livelli non proprio positivi, mi pare che in parte si è operato secondo lo statuto in parte invece si è operato in una sorta di "stato di emergenza". I vari livelli hanno il tempo per seguire casi come questi (quando escono sui mass-media)? I vari livelli hanno il tempo di trovare casi come questi (quando non escono sui mass media)? Faccio apposta queste domande perchè in questa discussione mi è parso di capire che ci sono stati in altri gruppi dei casi simili (ma se ho interpretato male ditemelo pure) che però "non sono stati trattati"? Per opportunismo o perchè proprio non sono stati visti? In entrambi i casi vuol dire comunque che la struttura così come è impostata non va. Ripeto: capi che devono fare 2-3 servizi contemporaneamente, in zona, nel gruppo magari pure anche formatori sono bravissimi, ma è umano in questi casi non riuscire a controllare tutto di tutti i gruppi e di quello che accade. Forse dovremmo rivedere come siamo strutturati, ma su questo di recente già se ne è parlato al consiglio generale (commissione status) e non sono emerse cose particolari.
Top
antonio valerioti



Età: 59
Segno zodiacale: Cancro
Registrato: 06/02/12 02:36
Messaggi: 31
Residenza: palmi

MessaggioInviato: Martedì 14 Febbraio 2012, 14:31    Oggetto: Rispondi citando

Desidero offrire alla discussione alcune mie considerazioni suscitate dalla lettura degli ultimi interventi.

1) Franzos pone l’attenzione sulla sostenibilità degli incarichi associativi: concordo nell’ammettere che la migliore condizione sarebbe avere dei quadri con incarichi unici; purtroppo ciò non è sempre possibile, allora ritengo che chi ha responsabilità di quadro debba dare priorità all’incarico di maggiore rappresentatività (per es.: chi è RdZ non dovrebbe essere capogruppo, o capo unità, tutt’al più potrebbe fare l’aiuto in una branca se proprio la co.ca. è messa male). Ma anche le co.ca. dovrebbero “opporsi” alla candidatura di un proprio componente se nel gruppo esiste una situazione di emergenza.
2) Gufo (capisco anche perché il suo totem è “preciso”) sottolinea che il Consiglio di Zona può sostituire il Comitato, come da statuto, quando deliberato dall’Assemblea: ma, mi chiedo, quando è opportuno che il Consiglio svolga anche i compiti del Comitato? A me è sembrato strano che nella mia zona con 5 candidati a coprire i 3 posti in Comitato l’Assemblea all’unanimità abbia deciso di optare per la soluzione di affidare al Consiglio i compiti del Comitato.
3) Ancora su Gufo e su Glaxo. Neanche io riesco a pensare a un vero e proprio complotto (soprattutto perché credo alla buona fede di tutti gli scout) ma ritengo che ci sia stata incompetenza e incapacità a gestire una situazione delicata, improvvisazione nelle scelte fatte senza ponderarne bene le conseguenze, da parte dei livelli associativi implicati (zona soprattutto, ma anche regione e centrale). Piuttosto ho avuto l’impressione che sia sfuggita di mano la situazione a chi avrebbe dovuto gestirla, innescando così la reazione “scomposta” del centrale.
4) Se la soluzione di affidare la co.ca. del Rosarno 2 ad un “tutor” non era praticabile, non sarebbe dovuto esserla neanche quella di chiederne le dimissioni, perché entrambe non sono previste dai regolamenti associativi.
5) Resta comunque sempre il problema del recupero di quei ragazzi.
6) E resta anche il problema di sentire l’altra versione dei fatti, quella di chi ha avallato le decisioni prese, per capire meglio. Eppure sono certo che l’altra “campana” segue questo forum, ma non partecipa; perché?

Antonio Valerioti, Palmi 2
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Martedì 14 Febbraio 2012, 14:33    Oggetto: Rispondi citando

e chi è l'altra campana?
Top
Marm



Età: 39
Segno zodiacale: Sagittario
Registrato: 15/02/10 15:36
Messaggi: 984
Residenza: Veneto

MessaggioInviato: Martedì 14 Febbraio 2012, 15:33    Oggetto: Rispondi citando

"chi ha avallato le decisioni prese"

In effetti, manca del tutto in questa discussione, ma potrebbe essere di gran interesse sapere da chi l'ha deciso perché era necessario lo scioglimento del gruppo.
Top
antonio valerioti



Età: 59
Segno zodiacale: Cancro
Registrato: 06/02/12 02:36
Messaggi: 31
Residenza: palmi

MessaggioInviato: Martedì 14 Febbraio 2012, 21:26    Oggetto: Rispondi citando

sottolineo quello che ha scritto Marm

sarebbe fondamentale, proprio per chiarire i passaggi "oscuri" di questa vicenda, sentire il parere dell'altra campana: e cioè di chi ha avallato la decisione di chiudere il Rosarno 2;
per esempio, chi faceva parte del Comitato di Zona all'epoca dei fatti (l'ex RdZ o l'altro componente del comitato); oppure qualche capogruppo delle co.ca. che si sono rifiutate di affrontare il problema in un'assemblea di zona (potrebbero spiegarci perchè in questa associazione si rifiuta il confronto); o qualche componente del Comitato Regionale, o del Consiglio Regionale del tempo, che ha redatto un documento unitario datato 8 giugno 2010; o qualche componente del Comitato Centrale o del Consiglio Nazionale.................. insomma di tutti quelli che hanno ritenuto che la strada più giusta fosse chiudere il gruppo e non pensare ad altre soluzioni praticabili, per il bene dell'Associazione tutta e dei ragazzi del Rosarno 2.

Ma sono certo che nessuno si farà avanti, anche se so che questa discussione è seguita e letta anche da chi potrebbe essere incluso nell'altra campana (ci sono addirittura quasi settemila consultazioni........ su questo argomento!).

Quando ho deciso di intervenire su questo argomento, la mia intenzione era di chiarire la posizione della mia co.ca. in questa triste vicenda, e poi di offrire qualche spunto di riflessione e qualche provocazione a chi segue questo forum e, laddove possibile, anche chiarire qualche passaggio. Penso quindi che il mio compito qui sia finito, perciò vi saluto tutti (ma continuerò a leggervi).

un abbraccio

Antonio Valerioti, Palmi 2
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 00:16    Oggetto: Rispondi citando

Sarebbe utile allora avere copia della famosa mail regionale...
Top
franzos79





Registrato: 03/09/08 15:34
Messaggi: 324

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 09:54    Oggetto: Rispondi citando

Antonio dice che il consiglio regionale dell'agesci regione calabria ha redatto un documento unitario l'8 giugno 2010, il 19-20 giugno anche il consiglio nazionale dell'associazione ha redatto un documento sullo stesso argomento. Se Antonio e Glaxo hanno copia dell'email e del documento delll'agesci calabria si potrebbe porli a confronto con quello del consiglio nazionale. Come ho già scritto in quel verbale di consiglio nazionale la volontà che ne esce è di mantenere viva la proposta educativa per i ragazzi del Gruppo Rosarno 2, così non mi pare sia stato e dunque sarà stata fatta o andrà fatta nelle sedi opportune una verifica da parte di chi è in quegli organi (dalla zona e fin su).
Top
Michele





Registrato: 25/10/07 15:03
Messaggi: 130

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 10:45    Oggetto: Rispondi citando

Non ho ben capito perchè si dovrebbe leggere come segno di malvagità da parte della Zona il fatto che ai capi del Rosarno 2 venisse detto in quali Gruppi avrebbero potuto continuare il loro servizio.

Mi pare la cosa più naturale del mondo che, se in una piccola città ci sono due Gruppi scout e uno dei due si scioglie, ai capi e ai ragazzi venga offerta la possibilità di continuare nell'altro Gruppo della città.

Anche nella Zona cui appartenevo a suo tempo è successo di chiudere dei Gruppi, in genere per carenza di capi, ed è la cosa più logica che si sia cercato di pilotare il triste evento; e non tutti gli altri Gruppi della Zona sarebbero stati egualmente adatti per l'arrivo dei ragazzi e dei (pochi restanti) capi del Gruppo chiuso. Questo per i più svariati motivi, da quelli logistici (semplice distanza) a quelli educativi (per i ragazzi) e formativi (degli adulti). Grazie a Dio la chiusura del Rosarno 2 è stato un unicum, nei casi di cui parlo i problemi non erano certo così delicati; ma comunque, in quei casi, la Zona, d'accordo con i Gruppi coinvolti, ha deciso quale/i Gruppo/i era/erano adatto/i ad assorbire i "reduci" del Gruppo in scioglimento. Mi pare ordinaria amministrazione, francamente; un rompete le righe e andate dove diavolo volete non mi sembra che sia meglio.

Mi rendo conto della tristezza per i ragazzi "lasciati sulla strada"... ma a quanto pare avrebbero potuto benissimo continuare a fare scoutismo nell'altro Gruppo della città. Ovviamente sarebbe stato loro d'aiuto, nel compiere questa scelta, vedere i loro capi fare altrettanto.

Se la cosa più importante era evitare di lasciare i ragazzi per strada, allora l'offerta della Zona era da accogliere. Ovviamente il Rosarno 1 non avrebbe potuto, per esempio, raddoppiare il numero di ragazzi in Reparto seguendoli con i suoi soli capi. Supponiamo che venisse fatta la scelta strategica di non mandare a spasso i ragazzi del Reparto del Rosarno 2. La soluzione era evidente, ora che sappiamo che alcuni capi del Rosarno 2 sarebbero stati i benvenuti nella CoCa del Rosarno 1: che i Capireparto entrassero nel Rosarno 1 e che si aprisse un secondo Reparto del Rosarno 1.

Ma non lasciare i ragazzi per strada era la cosa più importante per i capi del Rosarno 2?
Top
sponsor
sponsor
antonio valerioti



Età: 59
Segno zodiacale: Cancro
Registrato: 06/02/12 02:36
Messaggi: 31
Residenza: palmi

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 15:21    Oggetto: vicenda Rosarno 2 Rispondi citando

perdonatemi, ma quello che dice Michele mi riguarda

ti chiedo: prova a ragionare su quanto ti scrivo appresso e prova a fare un'ipotesi

perchè alla mia co.ca. non è stata richiesta la disponibilità ad accogliere alcuni capi dell'ex-Rosarno 2? in verità la disponibilità NON è stata chiesta nè a noi e neanche ad altre co.ca. della zona, ma è stata accordata diciamo per "simpatia" solo ad alcune co.ca. della zona (le ha scelte il RdZ? le ha scelte la Regione? le ha scelte il Centrale? nessuno ci ha mai spiegato i criteri di scelta anche se ne abbiamo richiesto le ragioni)
eppure il mio gruppo è tra quelli messi meglio (per numero di capi, per completezza di unità, per formazione, per esperienza, per titoli,.......), sicuramente molto meglio di qualche altro gruppo "scelto", che non aveva neppure tutte le unità complete,
neanche la distanza poteva essere una discriminante perchè tra i gruppi "scelti" c'è anche il Palmi 1, che è nella stessa mia cittadina

forse a qualcuno ha dato fastidio che la mia co.ca. si sia opposta alla soluzione concertata di chiudere il Rosarno 2? è normale questo nello scautismo? è normale questo nell'AGESCI?
è normale che anzichè confrontarsi (in nome della correzione fraterna) si passi alla vessazione? possibile che dia fastidio in questa associazione se io mi permetto di suggerire soluzioni diverse da quelle che "forse" facevano più comodo?

vi chiedo ancora scusa, e prometto che non tornerò più su questo forum

antonio valerioti, palmi 2
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 15:33    Oggetto: Rispondi citando

Non comprendo perchè prometti di non tornare su questo forum.
Top
antonio valerioti



Età: 59
Segno zodiacale: Cancro
Registrato: 06/02/12 02:36
Messaggi: 31
Residenza: palmi

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 15:41    Oggetto: Rispondi citando

perchè questa è una discussione sterile che non porterà a nulla:
i ragazzi dell'ex-Rosarno 2 resteranno fuori dall'Associazione, il Rosarno 2 non si riaprirà, la mia co.ca. non sarà "rivalutata" ma continuerà a pagare il prezzo della dissidenza, chi ha sbagliato continuerà a fare danni,......

antonio valerioti, palmi 2
Top
franzos79





Registrato: 03/09/08 15:34
Messaggi: 324

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 16:05    Oggetto: Rispondi citando

Purtroppo Antonio ha ragione. Se la democrazia associativa funzionasse i responsabili regionali, prima di tutti quelli della Calabria, dovrebbero chiedere e fare una verifica (se non è già stata fatta in sede di consiglio nazionale visto il documento che loro hanno approvato in quella sede a giugno 2010.
Tra l'altro in tale documento si parla di "proposta fatta dalla Zona “Piana degli Ulivi” per la realizzazione di un campo estivo sotto la responsabilità di capi messi a disposizione dalla zona e dalla regione".
Invece Michele secondo me non consideri vari fattori: non è il caso di un gruppo che chiude per mancanza di capi, qui è un gruppo con una coca "dimissionaria o che è stata fatta dimettere", con famiglie arrabbiate di tale situazione e sicuramente il tutto si è riflettuto sul fatto che i ragazzi/e non hanno continuato l'avventura in altri gruppi. in fin dei conti che vogliamo o no le famiglie hanno un certo peso nell'iscrizione dei ragazzi agli scout!

Antonio non demordere, i problemi del dibattito in associazione sono noti da tempo, guarda cosa diceva un capo storico della mia zona, Enrico Dalmastri, nel 1982

"Non v’è dubbio che la partecipazione ed il senso critico siano oggi colpiti da grossi scompensi e gli organismi di aggregazione volontaria o strutturale rischiano la paralisi. Il nostro sta diventando il tempo dell’accettazione acritica di ogni linea.
Si confonde tolleranza con identificazione. La verità che conta è quella dei sigilli, dell’imprimatur su tutto, delle linee confortate dal placet dell’autorità. Perfino il pluralismo, da confronto continuo e stimolante in vista del meglio comune, si avvia a diventare sempre più un ottimo narcotico: va bene così. ..purché non sorgano turbamenti.
Siamo tutti disarmati; consegnate responsabilità, oneri ed onori a chi dirige, non ci sogniamo di prendere iniziative: è compito di chi ci sta sopra.
L’importante oggi è trovare qualcuno che si faccia carico delle situazioni, poi i pensieri sono suoi… va bene così: purché non rompa … nulla.
Chi può e vuole lavorare ad una azione preventiva, si muova. E’ tempo!
"
Dopo una focosa assemblea dei capi della Zona di Bologna (1982) apparvero queste righe sul “Galletto” (il foglio di collegamento dei capi Agesci dell’EmiliaRomagna): una energica riflessione, con poche e lapidarie frasi. In queste parole traspare tutta la forza dell’idea dei servizio che Enrico voleva totale, senza compromessi."
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 16:13    Oggetto: Rispondi citando

antonio valerioti ha scritto:
i ragazzi dell'ex-Rosarno 2 resteranno fuori dall'Associazione, il Rosarno 2 non si riaprirà, la mia co.ca. non sarà "rivalutata" ma continuerà a pagare il prezzo della dissidenza, chi ha sbagliato continuerà a fare danni,......



B'è, un forum come questo non ha neanche queste finalità, ma io ci ho fatto un consiglio di zona con parte della questione. e le risposte sono state molto significative..
Top
Michele





Registrato: 25/10/07 15:03
Messaggi: 130

MessaggioInviato: Mercoledì 15 Febbraio 2012, 16:28    Oggetto: Rispondi citando

franzos79 ha scritto:

Invece Michele secondo me non consideri vari fattori: non è il caso di un gruppo che chiude per mancanza di capi,


Veramente ne sono ben consapevole. Sono ugualmente convinto che l'interesse più grande da salvaguardare fosse comunque lo stesso, più ancora viste sia le circostanze dello scioglimento del Gruppo sia la situazione sociale. E cioè far sì che i ragazzi potessero continuare a fare attività.

Fosse solo la mia opinione, passi; ma mi pare che lo stesso punto sia stato ribadito da numerosi altri interventi in questo thread.

Citazione:

qui è un gruppo con una coca "dimissionaria o che è stata fatta dimettere", con famiglie arrabbiate di tale situazione e sicuramente il tutto si è riflettuto sul fatto che i ragazzi/e non hanno continuato l'avventura in altri gruppi. in fin dei conti che vogliamo o no le famiglie hanno un certo peso nell'iscrizione dei ragazzi agli scout!


Non ne dubito. Così come le scelte dei capi, che fino al giorno prima certo avevano un qualche ascendente su di loro.

In altre parole mi stai dicendo che:

1. per i capi dimissionati la loro situazione di dimissionati era più importante del far continuare l'avventura dei ragazzi in altri gruppi, e
2. le famiglie erano così arrabbiate che hanno concluso: "meglio sulla strada che in sede del Rosarno 1".

Insomma, nè i capi nè i genitori erano d'accordo con me nel ritenere che la cosa più importante fosse consentire ai ragazzi di proseguire l'attività scout. Altre considerazioni erano più importanti.

Ovviamente nessuno contesta il loro diritto di scegliere in tal senso, ma allora non mi sembra il caso di lamentare la condizione dei ragazzi lasciati sulla strada, ti pare?
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 12, 13, 14 ... 24, 25, 26  Successivo
Pagina 13 di 26


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org