Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


Ragazze/i di altre fedi in unità Agesci

 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Si avvicinò e camminava con loro
Autore Messaggio
porcellinopacifico



Età: 59
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 08/03/07 19:46
Messaggi: 382
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Sabato 24 Gennaio 2009, 11:49    Oggetto: Ragazze/i di altre fedi in unità Agesci Rispondi citando

elfo ha scritto:
L'AGESCI è aperta a tutti, ma la proposta dell'associazione è cattolica. E si parla di proposta, non di conversione forzata. Per cui, sarò poi il ragazzo stesso che potrà rendersi conto se il cammino di fede che segue è giusto o no.
rispondo in due topic perché qui si rischia davvero l'OT.
per quanto riguarda i ragazzi di altre confessioni cristiane o di altre religioni, ritengo che non ci si possa limitare alla proposta di fede specifica (es. cattolica in Agesci), ma la loro accettazione all'interno delle unità comporti che ci si interessi al loro cammino di fede all'interno della loro chiesa o che altro. Laddove possibile sarebbe pure opportuno vivere qualche momento di ecumenismo, con altre confessioni cristiane, o incontri interreligiosi, con altre religioni.
Altrimenti che senso ha dire: "ti accolgo"?
Top
sponsor
sponsor
frageorges





Registrato: 08/12/05 12:23
Messaggi: 138

MessaggioInviato: Sabato 24 Gennaio 2009, 12:42    Oggetto: Re: Ragazze/i di altre fedi in unità Agesci Rispondi citando

porcellinopacifico ha scritto:
elfo ha scritto:
L'AGESCI è aperta a tutti, ma la proposta dell'associazione è cattolica. E si parla di proposta, non di conversione forzata. Per cui, sarò poi il ragazzo stesso che potrà rendersi conto se il cammino di fede che segue è giusto o no.
rispondo in due topic perché qui si rischia davvero l'OT.
per quanto riguarda i ragazzi di altre confessioni cristiane o di altre religioni, ritengo che non ci si possa limitare alla proposta di fede specifica (es. cattolica in Agesci), ma la loro accettazione all'interno delle unità comporti che ci si interessi al loro cammino di fede all'interno della loro chiesa o che altro. Laddove possibile sarebbe pure opportuno vivere qualche momento di ecumenismo, con altre confessioni cristiane, o incontri interreligiosi, con altre religioni.
Altrimenti che senso ha dire: "ti accolgo"?

Sono pienamente d'accordo. Quando ero caporeparto mi è capitato di avere un ragazzo musulmano e uno evangelico, e al tempo mi sono interessato di quale era il loro cammino di fede e di come potevano viverlo. Mi sono preoccupato che avessero contatti con le istituzioni della loro confessione/religione e che avessero una formazione/educazione specifica.

Questo però non deve in alcun modo creare problemi alla "proposta" dell'AGESCI: non si può pensare che per un certo rispetto la mia proposta non debba essere esplicita (catechesi chiaramente cristiana e chiaramente cattolica, celebrazione dei sacramenti, presenza di AE, ecc.).

Comunque sia, in questi casi la cosa più importante è la chiarezza: con il ragazzo e con i genitori. Poi, problemi non ce ne sono stati affatto.
Top
porcellinopacifico



Età: 59
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 08/03/07 19:46
Messaggi: 382
Residenza: Milano

MessaggioInviato: Sabato 24 Gennaio 2009, 16:39    Oggetto: Rispondi citando

bravo frageorges.
può darsi che la tua esperienza sia la più diffusa.
Di certo esistono anche situazioni opposte in cui non si prende affatto in considerazione la diversa fedi di alcune/i ragazze/i.
Per quanto riguarda la
frageorges ha scritto:
"proposta" dell'AGESCI... esplicita (catechesi chiaramente cristiana e chiaramente cattolica, celebrazione dei sacramenti, presenza di AE, ecc.)
va benissimo, personalmente ho "scelto", da evangelico, coscientemente di iscrivere le figlie in Agesci e non in Cngei, proprio per la proposta di fede: solo che mi aspettavo un po' più di apertura ecumenica
Così allora (10 anni fa) mi sembrava
Ora forse le isciverei al Cngei
Col tempo, forse, loro andranno al Cngei o in altra associazione.
A questo punto sarà una loro libera scelta
Top
Raffaele



Età: 56
Segno zodiacale: Gemelli
Registrato: 30/01/06 11:12
Messaggi: 193
Residenza: Matera

MessaggioInviato: Lunedì 26 Gennaio 2009, 12:34    Oggetto: altre fedi Rispondi citando

I Gruppi Agesci sono diversi tra loro, per cui puoi trovare un gruppo più aperto all'ecumenismo ed uno meno aperto. Intanto passi da gigante in Agesci se ne sono fatti. Ho avuto in reparto e in clan ragazzi evangelici pentecostani e ho parlato con i genitori e con loro stessi e posso assicurarvi che non ho mai avuto problemi con loro. Alle nostre celebrazioni hanno sempre partecipato cercando di coniugare la loro spiritualità alla nostra senza offendere nè l'una nè l'altra. A volte però siamo noi cattolici ad avere preconcetti e magari non siamo molto attenti alle esigenze di chi ci sta a fianco. In Agesci la scelta, direi obbligata, di essere cattolico la si fa quando si entra in Comunità Capi, un capo deve poter interagire con le situazioni e deve essere autorevole, non può rispondere ad una domanda precisa con un'altra domanda oppure con un "non so" e rimandare all'Assistente. Avere ragazzi in unità di altre religioni o confessioni è solo ricchezza che va sfruttata al massimo.
Negli anni '60 nella mia città, per motivi di lavoro si trasferì per un anno una famiglia romana di religione ebraica. Un figlio, scout a Roma, entrò in un riparto dell'Asci su invito del Capo Riparto e con l'Assistente compiacente ed è stato accolto molto bene per tutta la durata del suo soggiorno in città. La cosa si è saputa, ripeto, parlo degli anni '60, ed il capo in questione fu chiamato a risponderne in arcivescovado. La cosa continuò addirittura in sede centrale a Roma. Il Riparto e lo scout ebreo non hanno mai saputo niente di questa cosa, ma il Capo Riparto era pronto a dare le dimissioni dall'incarico perchè sosteneva di aver fatto ciò che riteneva giusto e che non accettava l'aria di inquisizione che si stava creando tra gli assistenti del centrale. Il Capo in questione fu poi contattato dall'Assistente centrale che la pensava come lui e continuò per la sua strada. Tutto questo per farvi capire come i tempi sono cambiati e come Papa Giovanni Paolo II sia stato veramente un grande con la sua testimonianza ed il suo ecumenismo.
Siate accoglienti, rispettate e sarete rispettati e ai bacchettoni trattateli da bacchettoni.
Buona caccia
Raffaele
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Si avvicinò e camminava con loro Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org