Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


scoutismo per adulti: eresia o realtà?
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Forum dedicato al M.A.S.C.I.
Autore Messaggio
Paolo (Orso Lento)



Età: 77
Segno zodiacale: Scorpione
Registrato: 19/04/04 22:33
Messaggi: 70
Residenza: Pesaro

MessaggioInviato: Venerdì 13 Luglio 2007, 17:08    Oggetto: scoutismo per adulti: eresia o realtà? Rispondi citando

Scusate, anche se con molto ritardo vorrei partecipare al dibattito.
Premetto che non sono in grado di fare citazioni o simili, ma vorrei dare il mio contributo in maniera semplice e spontanea. Brevemente: ho 64 anni, sono censito nel MASCI da circa 21 anni, e sono tutt'ora censito in AGESCI (provengo dall' ASCI, dal 1954, totem Orso Lento): così ho risposto all'ultima domanda....
Poi il MASCI è un Movimento (almeno per ora, in futuro......) e l'AGESCI è un'Associazione. Il MASCI non è mai stato, e per ora non lo è, una nuova branca dell'Associazione giovanile (ed io mi auguro che non lo diventi mai). Poi sul fatto che il MASCI spesso collabori con l'AGESCI, non è perchè così deve essere, ma semplicemente perchè, alcuni che fanno parte del MASCI provengono da questa Associazione, o ne fanno ancora parte, o hanno i figli in questa Associazione: e questo anche per un dato statistico:l'AGESCI è l'Assoc. giovanile scout con il maggior numero di iscritti, per cui volere o no, è più facile che capiti di avere rapporti (anche se sempre pochi ed occasionali) con questa associazione invece che altre.
Le altre organizzazioni di Adulti scout: ho avuto occasione di conoscere alcuni rappresentanti di altre associazioni che ci sono in Italia, ma non ho trovato nessuna di queste strutturate organizzate e con programmi duraturi nel tempo come il MASCI. Qualcuno è nata e vive per un preciso scopo, e basta, non con finalità "autoeducanti". Per es. i "Senior" dei CNGEI, credo prima di tutto che siano tutte persone che derivano dallo scoutismo giovanile, mentre nel MASCI, sono ormani più quelli che non hanno mai vissuto un'esperienza scout giovanile.., I Senior, per come li ho conosciuti io (può darsi che mi sbagli) li ho visti sempre soltanto in occasioni di cerimonie, di incontri conviviali, o simili, senza una struttura propria e programmi propri....Il MASCI, bene o male, è organizzato, ha dei programmi sia locali, sia nazionali, ecc. Che poi non siano "tutte rose e fiori" è pur vero, ma l'importante è fare una strada, un cammino insieme agli altri: non abbiamo mai finito di "crescere", non siamo mai arrivati...
Spero che ci sia qualcuno, che nonostante il caldo (tutti al mare ....) mi legga e magari mi risponda.
Buona strada
Paolo (Orso Lento)
Top
sponsor
sponsor
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Venerdì 13 Luglio 2007, 17:36    Oggetto: Rispondi citando

orso lento ha scritto:
Per es. i "Senior" dei CNGEI, credo prima di tutto che siano tutte persone che derivano dallo scoutismo giovanile, mentre nel MASCI, sono ormani più quelli che non hanno mai vissuto un'esperienza scout giovanile..,

E non credi che sia un limite? Voglio dire...che tipo di trapasso di nozioni, tradizioni soprattutto può esserci?
Top
Paolo (Orso Lento)



Età: 77
Segno zodiacale: Scorpione
Registrato: 19/04/04 22:33
Messaggi: 70
Residenza: Pesaro

MessaggioInviato: Venerdì 13 Luglio 2007, 23:17    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
E non credi che sia un limite? Voglio dire...che tipo di trapasso di nozioni, tradizioni soprattutto può esserci?


Beh, io non la penso così. Mi spiego. Chi, come me, ha avuto la fortuna di vivere l'esperienza scout da ragazzo, è stato sicuramente "fortunato", cioè ha avuto un grandissimo "regalo". Se un altro non ha avuto questa fortuna, non è una colpa, e noi, più fortunati, dobbiamo in qualche modo sdebitarci con lui. Non so se sono riuscito a spiegarmi.
Poi naturalmente i casi possono essre tanti: c'è chi desidera conoscere ed imparare (trapasso di nozioni, ecc.) ma c'è chi pensa che lo scoutismo sia una succursale del CAI, o del Club del Tortellino, o che una Comunità MASCI sia esclusivamente un gruppo di preghiera.....
C'è chi con il tempo si rende conto, gli piace e resta, c'è chi se ne va (ogni anno nel MASCI c'è un turn over enorme: tanti nuovi che entrano e tanti che lasciano). C'è poi quello che pensa di cambiare tutto, magari desiderando imporre nuove regole, cambiando le carte in tavola. C'è chi vede nel MASCI un trampolino per lanciare credi politici o partitici. Insomma il MASCI è come tutto il resto, composto di varia umanità. Sta a chi ha capito le regole del gioco a farle rispettare, ma sempre con amore e con pazienza.....
Buona strada
Paolo (Orso Lento)
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Lunedì 16 Luglio 2007, 08:03    Oggetto: Rispondi citando

Mmmm....in parte, Orso Lento....
Se, come dici, c'è un turnover enorme, significa che molti arrivano, cercano di capire e poi se ne vanno.
Se questo è vero, è vero anche che la maggior parte delle forze viene spesa "per far capire" le cose a chi è completamente a digiuno di Scoutismo e crede che il Masci sia qualcosa di diverso.
Proprio questo dispendio di forze è il punto debole del sistrema. Se ci si spende sui sistemi non si scenderà mai nell'operatività, e il Masci sarà sempre visto come un organismo strano che non si sa bene che faccia.
Buona strada.
Top
Gerri



Età: 35
Segno zodiacale: Toro
Registrato: 21/09/05 20:08
Messaggi: 588
Residenza: Giungla Anconetana

MessaggioInviato: Lunedì 16 Luglio 2007, 12:31    Oggetto: Rispondi citando

mi spiace orso lento ma non sono d'accordo con quello che dici, lo trovo molto lontano dalla realtà scout e altrettanto lontano tal taglio che Baden voleva dare al MASCI...
ho sempre pensato che "per essere scout non c'è che vivere come scout", quindi non vedo bene un movimento che promuova l'essere scout attorno ad un tavolino...
Capisco che ad una certa età non è più possibile "giocare a fare lo scout" e andare i mezzo ai boschi (anche se forse si potrebbe ancora...) e che si voglia continuare a vivere quell'ideale scout in maniera comunitaria al di fuori delle attività ma credo che chi voglia accostarsi al mondo scout da adulto non possa che farlo attraverso lo scoutismo "vissuto" lontano dai salotti...

Per quanto riguarda la separazione dalle attività giovanili, almeno secondo lo spirito di Baden, il principio era molto diverso... i gruppi senior di cui ho notizia si distinguono per il loro piglio "scout", ovvero il senso dell' "impresa" con cui testimoniano il loro essere scout (si veda ad esempio la Compagnia di San Giorgio in Roma solo per fare un esempio) che seppur rimanendo fuori dalle attività giovanili le promuovono...
Se il MASCI volle restare al di fuori dell'ASCI era inizialmente per non interferire con le attività giovanili, per lasciare spazio ai giovani capi che si formavano, il MASCI dal canto suo continuava a rendere testimonianza visibile di Scoutismo a cui i giovani capi potevano guardare...
Successivamente (anni 70) si aprì una frattura, molti che non condividevano il nuovo metodo e non ritenevano in coscienza loro di applicarlo si dimettevano da capi restando semplicemente "Adulti Scout", lo stesso BADEN affermo che il MASCI doveva rimanere testimone di uno scoutismo vero, fedele testimone di BP, del BP cristiano, del BP patriota, per continuare ad indicare all'associazione giovanile che quella strada era ancora percorribile, che non era morta... Per essere nel MASCI non bastava essere stato scout, bisognava essere SCOUT, fino a fondo fin dal midollo, talmente scout da far trasparire ciò "anche senza le braghe corte"...

la mia è una esperienza limitata, ma per quel che ho visto io nel MASCI lo scoutismo èsemplicemente un collante, una "regola" in cui riconoscersi come comunità, non è realtà intima di ognuno, non è ideale che muove le attività

Un tempo per essere nel MASCI era necessaria la partenza...
...oggi sarebbe il caso di riscoprire quantomeno la promessa...

Personalmente vorrei un MASCI più vicino, che si apra al confronto, che sappia istruire i giovani capi, consigliarli, che apra loro le proprie biblioteche ricche di manuali non più stampati e dicano "vedi, questo sarebbe proprio bello farlo con i ragazzi"
Vorrei MASCI capaci di organizzare attività di ampio respiro e alto livello, che mettano a disposizione la loro perizia per insegnare ancora a chi vuole (visto che non hanno più il compito di educare una intera unità), che non si stanchi di riproporre belle esperienze con le quali sono cresciuti, che continuino "quel trapasso delle nozioni con il salto di una generazione" che predicava Baden (perché i nostri allievi forse dimenticheranno di insegnare qualcosa di ciò che gli insegnammo, meglio quindi buttare un occhio ed integrare quel che dicono)

purtroppo sinceramente vedo un inesorabile metamorfosi verso un comune gruppo parrocchiale ricco di adulti che ha la sua forza dal non essere ancora frenato dai "vecchietti" che riempiono gli altri gruppi parrocchiali


spero di essere smentito dai fatti
Augh, ho finito


L'ultima modifica di Gerri il Lunedì 16 Luglio 2007, 12:39, modificato 1 volta
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 35
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Lunedì 16 Luglio 2007, 12:39    Oggetto: Rispondi citando

forse bisognerebbe capire COSA E' il masci...
Top
uomodelbosco





Registrato: 06/03/07 18:14
Messaggi: 1260

MessaggioInviato: Lunedì 16 Luglio 2007, 13:39    Oggetto: Rispondi citando

Gerri...preciso e infallibile...
Confesso che ho pensato di entrare nel Masci, dato che la mia peculiare storia presente non mi consentirebbe una partecipazione fattiva in una unità.
Alla fine ho optato per essere Capo a disposizione in gruppo Agesci, con tutti i limiti della cosa, proprio perchè per la mia piccolissima esperienza il Masci non è in grado di avvicinarsi a quel che dovrebbe essere, come ha ben spiegato Gerri.
Quando ho proposto ai miei fratelli Scout non in servizio la ri-fondazione di un gruppo Masci, estintosi decenni fa, sono stato coperto dalle risate, e il gruppo Masci più vicino mi ha dato l'idea di un gruppo parrocchiale di preghiera...
Sconforto...
Se il Masci fosse come dovrebbe essere, forse i Capi a disposizione non esisterebbero, esisterebbe un movimento forte, di esempio, costituito da fratelli più grandi.
Top
Gerri



Età: 35
Segno zodiacale: Toro
Registrato: 21/09/05 20:08
Messaggi: 588
Residenza: Giungla Anconetana

MessaggioInviato: Lunedì 16 Luglio 2007, 13:44    Oggetto: Rispondi citando

uomodelbosco ha scritto:
Se il Masci fosse come dovrebbe essere, forse i Capi a disposizione non esisterebbero, esisterebbe un movimento forte, di esempio, costituito da fratelli più grandi.
quanto sarebbe bello!!!
Top
Babbo Lupo





Registrato: 05/12/05 12:22
Messaggi: 18

MessaggioInviato: Lunedì 23 Luglio 2007, 11:36    Oggetto: Precisazione Rispondi citando

[/b] Non potete immaginare quanto mi faccia arrabbiare il fatto che i capi agesci dicano di conoscere il MASCI solo per aver visto i suoi comkponenti "cucinare" per quello o quell'altro evento associativo.... mi fa arrabbiare... perchè è la pura verità, anche se non cucinano e basta... il MASCI, pur essendo, lo ribadisco, un movimento a se, è ancora poco considerato dall'associazione giovanile... e non gli si affida che, nella maggior parte dei casi, compiti logistici che, seppur importanti, non esprimono appieno le capacità e le qualità degli adulti scout. Mi permetto di dir questo perchè, pur essendo stato Capo Agesci fino al 2001, ero, nel contempo anche doppia tessera e, vi posso assicurare che, tra i grandi giochi più belli realizzati in varie attività, anche importanti, a livello zonale o regionale, li hanno proprio realizzati gli AS del MASCI, con il loro bagaglio di competenze e capacità.
... vabbè, adesso sono solo iscritto al MASCI, ma vi posso assicurare che non è cessata la voglia di fare e realizzare... per esempio, ho intuito come l'enorme bagaglio storico culturale dei canti dello scautismo mondiale, si stia lentamente perdendo, spersonalizzando anche le serate al bivacco o le varie attività in favore di brani ... diciamo "laici" magari altrettanto belli, ma non legati nè alla tradizione, nè al mondo scout.
Per arginare in piccolissima parte questo cosa, ho realizzato da qualche tempo e continuo ad aggiornarlo spesso, un sito web che da la possibilità a tutti coloro che lo desiderano di ascoltare e/o scaricare i brani scout che desiderano e, per qualcuno, di veder pubblicato quello che ha scritto magari come canzone di campo o per eventi particolari. Il link al sito è [url]http://www.cantiscout.it

Un caro saluto ed un augurio di Buona Strada ... all'alba del centenario,
Babbo Lupo (alias: Lino Palermo da Grosseto).
Top
sponsor
sponsor
Babbo Lupo





Registrato: 05/12/05 12:22
Messaggi: 18

MessaggioInviato: Lunedì 23 Luglio 2007, 11:46    Oggetto: Rispondi citando

[b]scusate, inserisco ancora l'URL al sito, nella speranza di azzeccare i comandi giusti. http://www.cantiscout.it
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Forum dedicato al M.A.S.C.I. Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org