Indice del forum Scout C@fé: Il Forum degli Scout
Possono leggere e scrivere in questo forum
tutti coloro che sono interessati al mondo dello scautismo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti StaffStaff
GruppiGruppi  CalendarioCalendario  ProfiloProfilo
Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in  RSS SCOUT - Rimani aggiornato


CAPI & RAGAZZI...
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi
Autore Messaggio
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 11:01    Oggetto: Rispondi citando

Tu sempre molto scettico, eh polvansen?!

Da persona inpulsiva che sono, secondo me ariete esuberante non ha raccontato bugie... e poi... credo sia logico che lei riferisca il proprio punto di vista.
Avendo io vissuto una situazione simile, credo di poterle dare ragione a priori, nonostante sia cosciente che è sbagliato.

Per situazine simile, intendo un macchinamento per spingermi a lasciare lo scoutismo, facendo nascere in me tutto l'astio e il rancore che ho più volte manifestato.
Per fotuna, o per sfortuna?, sto cambiandoidea, vedendo che al mondo non tutti gli scout, lasciatemi passare il termine, sono ***** come i miei ex capi, reparto soprattutto, e di clan poi. L'unica persona di cui conservo un buon ricordo è il maestro dei novizi, tra l'altro ex akela, quindi una persona che con i ragazzi in crescita ci sapeva fare!
Top
sponsor
sponsor
polvansen





Registrato: 01/06/06 17:10
Messaggi: 680

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 11:53    Oggetto: Rispondi citando

MammaOrsaCoccolona ha scritto:
Tu sempre molto scettico, eh polvansen?!


Scettico? E pensare che ritenevo di essere stato esageratamente concessivo, dicendo che la "interpretazione parziale" di ariete sia un mio dubbio (mentre è un'ovvia certezza per definizione).

Citazione:
credo sia logico che lei riferisca il proprio punto di vista.
Avendo io vissuto una situazione simile, credo di poterle dare ragione a priori, nonostante sia cosciente che è sbagliato.


Bene, hai detto quello che penso anch' io: che ha riferito il suo punto di vista. E che è sbagliato darle ragione sulla base semplicemente di questo suo racconto.
Che poi ognuno, in base alle sue esperienze e percezioni, tenda a dare più o meno ragione, ok. Ma resta un tantino prematuro sbilanciarsi.

Citazione:
Per situazine simile, intendo un macchinamento per spingermi a lasciare lo scoutismo, facendo nascere in me tutto l'astio e il rancore che ho più volte manifestato.


La penso allo stesso modo per quanto riguarda te: spero che non ti lascerai andare (come però già hai anticipato) in sfoghi e accuse unilaterali, perché non è una gran bella figura (a mio parere).
Se però vuoi farlo, magari invitando alla discussione il tuo ex maestro dei novizi e magari qualche altro capo protagonista della storia, anche l'ex Akela, vedi bene che sarebbe tutto un'altro approccio.

Citazione:
non tutti gli scout, lasciatemi passare il termine, sono ******* come i miei ex capi, reparto soprattutto, e di clan poi.


Ecco un esempio di ciò che io ritengo veramente ignobile (nel senso di non-nobile). Se prenderai questa frase come un'offesa (non era mia intenzione), ti prego di rileggere indietro, e poi di immaginare cosa penseresti tu se si parlasse di te in quel modo, senza darti la possibilità di replica. Confused

Paolo Crying or Very sad
Top
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 12:30    Oggetto: Rispondi citando

polvansen ha scritto:
MammaOrsaCoccolona ha scritto:
Tu sempre molto scettico, eh polvansen?!


Scettico? E pensare che ritenevo di essere stato esageratamente concessivo, dicendo che la "interpretazione parziale" di ariete sia un mio dubbio (mentre è un'ovvia certezza per definizione).

Citazione:
credo sia logico che lei riferisca il proprio punto di vista.
Avendo io vissuto una situazione simile, credo di poterle dare ragione a priori, nonostante sia cosciente che è sbagliato.


Bene, hai detto quello che penso anch' io: che ha riferito il suo punto di vista. E che è sbagliato darle ragione sulla base semplicemente di questo suo racconto.
Che poi ognuno, in base alle sue esperienze e percezioni, tenda a dare più o meno ragione, ok. Ma resta un tantino prematuro sbilanciarsi.

Citazione:
Per situazine simile, intendo un macchinamento per spingermi a lasciare lo scoutismo, facendo nascere in me tutto l'astio e il rancore che ho più volte manifestato.


La penso allo stesso modo per quanto riguarda te: spero che non ti lascerai andare (come però già hai anticipato) in sfoghi e accuse unilaterali, perché non è una gran bella figura (a mio parere).
Se però vuoi farlo, magari invitando alla discussione il tuo ex maestro dei novizi e magari qualche altro capo protagonista della storia, anche l'ex Akela, vedi bene che sarebbe tutto un'altro approccio.

Citazione:
non tutti gli scout, lasciatemi passare il termine, sono ****** come i miei ex capi, reparto soprattutto, e di clan poi.


Ecco un esempio di ciò che io ritengo veramente ignobile (nel senso di non-nobile). Se prenderai questa frase come un'offesa (non era mia intenzione), ti prego di rileggere indietro, e poi di immaginare cosa penseresti tu se si parlasse di te in quel modo, senza darti la possibilità di replica. Confused

Paolo Crying or Very sad


Prima cosa:
La frase con cui ho niziato il precedente post voleva essere solo ed unicamente IRONICA! Per una volta nella vita avevo capito, senza veli davanti gli occhi, ciò che volevi dire. Smile

Beh, il maestro dei novizi È l'ex Akela. E comunque io, o sto cercando, di cancellare le mie brutte esperienza, per riportare il superficie quelle belle.
anche se faccio una fatica tremenda a farlo, perchè ogni volta che entro qui dentro, è una sferzata che mi arriva. Ma voglio tenere duro, voglio tornare a guardare lo scoutismo con gli occhi entusiasti dei miei 11 anni!

È vero, non è carino parlare così dei miei ex capi, ma credo che la rabbia e la delusione siano una giustificazione plausibile per riferirmi a loro in quel modo.

Se ti raccontassi la storia, forse, concorderesti con me nel definirli come ho fatto io... forse in maniera meno colorita, ma probabilmente mi daresti ragione nell'avercela con loro.

Sai, con me, i capi reparto, hanno azzeccato solo una cosa. Il mio totem. Solo in quello ci hanno visto giusto, facendo una radiografia perfetta del mio modo di essere.
Mamma= perchè desidero molto essere madre, e con i ragazzini più piccoli del reparto sono sempre stata molto materna
Orsa= perchè il mio fisico ricorda molto un orso
Coccolona= perchè io potrei vivere senza acqua e senza cibo, ma non senza coccole!

Tu dirai, beh se ci hanno preso con il totem, ti avranno inquadrata anche in altre cose...
No, non è così!
Quando sono entrata a far parte del CDA, mai una volta che avessero dato a ME man forte per la mia squadriglia, mentre per le altre 3 squadriglie maschili, tutto andava bene, tutto era sostenibile.
Quando si faceva punteggio, mai una volta che avessero spinto per assegnarci un punteggio alto per qualcosa che avevamo fatto bene, nonostante io mi battessi fino allo stremo per avere quello che ci meritavamo!
Mi ricordo al rientro di un campo invernale, io volevo il 5 per la cucina, i maschi non erano daccordo. Sia io sia i capi sapevamo che il 5 era più che meritato. Abbiamo lottato da Genova fino a Milano, ma alla fine sto 5 non è arrivato ed io persi il campo, io e la squadriglia, per un punto non assegnato, nonostante fosse meritato.

Campo estivo.
La mia squadriglia decise di boicotarmi, io lo capii e la sera, quando si faceva il punteggio, non mi impegnavo neppure più di quel tanto per farci assegnare i punti.
Una bella sera, mi arrabbiai male. Avevamo preso - 10 o qualcosa del genere. Tornai in tenda e cercai di cantargliene 4.
Cosa successe? Che fui punita io in quanto non avevo rispettato il silenzio!

Adesso, una domanda sorge spontanea... se di giorno non potevo dar loro una strigliata, di notte nemmeno, quando accidenti avrei dovuto farlo? Alla fine del campo? Quando io non avevo più nulla da perdere?
Le mie squadrigliere non mi rispettavano, e i capi non mi aiutavano certamente a conquistarmi quel rispetto!

Settembre, uscita d'apertura e dei passaggi.
Ultima notte con la mia squadriglia, ultima volta che avrei montato una tenda canadese con la mia squadriglia, ultima volta che avrei litigato con i pali, che pareva ogni volta diminiussero.
Il sabato, dopo aver montato il campo si iniziarono le attività. La sera si bivacò con il branco e il clan, compreso di noviziato.
fine dell'attività serale, io mi allontano dal gruppo per bisogni fisiologici, al rientro, sento parlare due persne, di cui riconobbi solo una delle due voci, quella della capo reparto. Parlavano dei passaggi del giorno successivo.
Non che volessi origliare, ma mentre mi avvicinavo alla tenda, non feci in tempo a comunicare la mia presenza che sentii che dicevano: tanto quella lì non resiste più di un anno in Clan, non ha abbastanza censored.
Testuali parole! Mi sono riamste impresse a fuoco nella memoria, nonostante siano passati 5, o addirittura 6 anni da quando è successo questo episodio.

Per sfida nei suoi confronti ho trascorso l'anno di noviziato. Sono entrata in clan. Ho trascorso l'anno di clan. Mi sono iscritta nuovamente al secondo anno di clan, parlando molto apertamente con la mia capo, dicendole che non ero molto certa di quello che stavo facendo e che per trovare la mia strada avrei avuto bisogno del suo aiuto e di quello del clan. Mi consigliò di essere presentissima alle riunioni di clan, così da cercare di integrarmi col gruppo.
Cercai di farlo, per quanto mi era possibile.
Arrivò dicembre. Si propose una settimana comunitaria. Vi partecipai.
La conclusione fu che in me si materializzò ancora più il desiderio di andare via da quel gruppo, che chiudeva le porte a chi faceva fatica ad integrarsi.
Così, verso febbraio/marzo o aprile, non ricordo, decisi di scrivere una lettera per comunicare la mia decisione di lasciare il gruppo.
Mi presentai una sera, mentre c'era riunione di clan e lessi la lettera. Non ebbi alcuna reazione, come se a nessuno diloro importasse un benemerito accidente se una di loro andava via o restava... ma... povera illusa che sono! io non ero una di loro!

Da allora non ho più nè visto nè sentito nessuno!
Potrei essere viva, moprta, ammazzata, lapidata... a loro non interessa nulla!
Una volta fuori, per loro non sono esistita più! Non che mentre ero dentro per loro esistessi, eh!
Io ero solo una alla quale stare dietro perchè nelle uscite di cammino faceva fatica, una che si intimidiva se messa al centro dell'attenzione... una che rifiutava il gioco del roverino perchè doveva correre e si sentiva umiliata nel far perdere la propria squadra!
Ma ero anche quella che spesso ha chiesto aiuto per cercare di migliorarsi!
Ma le sue richieste sono state. troppo spesso ignorate!

Se questa non è negligenza di un capo, ditemi voi... o meglio, dimmi TU, polvansen, se io non ho il diritto di essere fuoribonda nei loro confronti!!!
Top
polvansen





Registrato: 01/06/06 17:10
Messaggi: 680

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 13:42    Oggetto: Rispondi citando

MammaOrsaCoccolona ha scritto:
La frase con cui ho niziato il precedente post voleva essere solo ed unicamente IRONICA!


Ma pensa un po'... anche la mia! Laughing (Devo ammettere che il mio senso dell'umorismo spesso non viene compreso... Rolling Eyes )

Citazione:
Beh, il maestro dei novizi È l'ex Akela. E comunque io, o sto cercando, di cancellare le mie brutte esperienza, per riportare il superficie quelle belle.
anche se faccio una fatica tremenda a farlo, perchè ogni volta che entro qui dentro, è una sferzata che mi arriva. Ma voglio tenere duro, voglio tornare a guardare lo scoutismo con gli occhi entusiasti dei miei 11 anni!
È vero, non è carino parlare così dei miei ex capi, ma credo che la rabbia e la delusione siano una giustificazione plausibile per riferirmi a loro in quel modo.
Se ti raccontassi la storia, forse, concorderesti con me nel definirli come ho fatto io... forse in maniera meno colorita, ma probabilmente mi daresti ragione nell'avercela con loro.

Può darsi, come può darsi che se ascoltassi da loro l'altra campana potrei benissimo dare ragione a loro. E dunque non mi sbilancio.
Posso dirti quello che penso di una situazione che mi racconti, ma da lì a essere certi che tu ne abbia avuto una visione obbiettiva...
Anzi, sinceramente credo che la tua visione non possa essere obbiettiva, perché osservata da un punto di vista troppo coinvolto e ferito, per esserlo.
Esattamente come il caso di ariete esuberante: la rabbia e la delusione sono sì motivi comprensibili perché tu definisca i tuoi capi in quel modo. Ma per darti ragione bisognerebbe che io provassi la stessa rabbia e la stessa delusione, altrimenti addio motivi. Io penso esattamente quello che dici: che i tuoi, i suoi motivi siano in gran parte rabbia e delusione. Effetti che si trasformano in cause. Ammissibili per te, non per gli altri.

Ti dico un'ultima cosa, già che ci siamo, dato che mi pare che tu oggi prenda le mie parole per il verso giusto Twisted Evil
La tua ricerca di uno scautismo che hai amato a 11 anni, purtroppo è impossibile. E non è lo scautismo ad essere cambiato irreversibilmente.
Ho l'impressione (fondata su parole, quindi prendila con le molle) che tu tenda a rapportarti con lo scautismo cercando di entrare in una pelle che non hai più. Parte degli episodi che racconti, perdonami, ma sono quelli che potrebbe raccontare una ragazza del reparto. La visione è quella, l'ho sentita tante volte ai consigli capi al campo.
Non capisco perché affronti tutta una serie di cose con una testa ben più adulta, ma quando parli della tua esperienza scout non riesci a guardarla con occhi più "grandi" (il punteggio, le beghe tra squadrigliere, il rimprovero, il rispetto che non si ottiene mai...).
Questa ovviamente è la mia impressione, ma credo che otterresti molto di più riuscendo a parlarne con chi all'epoca ti ha trattata in quel modo.

Bada bene: il fatto che io non mi senta di darti ragione (proprio come ad ariete esuberante) non significa che io vi dia torto. Spero sia chiaro.

Citazione:
Se questa non è negligenza di un capo, ditemi voi... o meglio, dimmi TU, polvansen, se io non ho il diritto di essere fuoribonda nei loro confronti!!!


Se hai il diritto di essere furibonda... certo! Sono un sostenitore del diritto al lamento e al mugugno.
Se loro siano stati negligenti, beh, sicuramente la loro parte l'hanno avuta, visto che non sono riusciti a recuperare nulla con te.
Ma come sia maturata questa situazione, dovrei sentire anche loro per esprimermi.

Paolo
Top
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 14:15    Oggetto: Rispondi citando

polvansen ha scritto:

Ti dico un'ultima cosa, già che ci siamo, dato che mi pare che tu oggi prenda le mie parole per il verso giusto Twisted Evil
La tua ricerca di uno scautismo che hai amato a 11 anni, purtroppo è impossibile. E non è lo scautismo ad essere cambiato irreversibilmente.
Ho l'impressione (fondata su parole, quindi prendila con le molle) che tu tenda a rapportarti con lo scautismo cercando di entrare in una pelle che non hai più. Parte degli episodi che racconti, perdonami, ma sono quelli che potrebbe raccontare una ragazza del reparto. La visione è quella, l'ho sentita tante volte ai consigli capi al campo.
Non capisco perché affronti tutta una serie di cose con una testa ben più adulta, ma quando parli della tua esperienza scout non riesci a guardarla con occhi più "grandi" (il punteggio, le beghe tra squadrigliere, il rimprovero, il rispetto che non si ottiene mai...).
Questa ovviamente è la mia impressione, ma credo che otterresti molto di più riuscendo a parlarne con chi all'epoca ti ha trattata in quel modo.

Bada bene: il fatto che io non mi senta di darti ragione (proprio come ad ariete esuberante) non significa che io vi dia torto. Spero sia chiaro.


Non è che solo oggi prendo le tue parole per quello che sono... solo che noi due ci siamo scontrati su argomenti che, come è ovvio e giusto che sia, non ci troviamo daccodo. Ma questo non significa che su altre cose possiamo tranquillamente trovare un punto d'incontro.

So anche molto bene che non è lo scoutismo ad essere cambiato, ma io e solo io. A quell'età amavo lo scoutismo, ero talmente convinta che andavo in giro senza vergogna alcuna con l'uniforme... e mi innervosivo parecchio quando vedevo gli altri scout con l'uniforme non in ordine... am non ho mai spiccicato parole a riguardo, proprio perchè non ne avevo il diritto.
Pensa... tante volte, quando salutavo i miei fratelli, durante la messa, nello "scambio della pace", lo facevo con la tipica stretta di mano che ci si scambia da scout a scout. Smile

Mi dici che affronto l'argomento descritto in precedenza con gli occhi di una guida, beh, in fondo è la guida che sono stata che è ferita, non la donna che oggi sono. Sono i miei 15 e 16 anni che sono stati feriti, non i 23 di oggi!
Oggi sono una donna serena, con una famiglia alle spalle ed una nuova che si sta creando, con un uomo fantastico e, spero, dei bimbi e tre megnifici cagnolini... più di questo? Cosa potrei desiderare?

Mi consigli di parlare con le persone che allora mi hanno ferita,ma come potrei? Dal 2001 o 2002, non mi ricordo neppure più, non vedo enon sento nessuno di loro. Non so neanche più se il gruppo nel quale sono stata esiste ancora...! Forse è stato addirittura chuso causa mancanza di iscritti, visto che già "ai miei tempi" il Clan fu gemellato con quello del paese accanto visto che non c'era abbastanza gente.

Io, come credo anche ariete esuberante, non voglio avere ragione a tutti i costi, ma forse solo un po' di solidarietà... Rolling Eyes
Top
polvansen





Registrato: 01/06/06 17:10
Messaggi: 680

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 15:05    Oggetto: Rispondi citando

MammaOrsaCoccolona ha scritto:
Mi dici che affronto l'argomento descritto in precedenza con gli occhi di una guida, beh, in fondo è la guida che sono stata che è ferita, non la donna che oggi sono. Sono i miei 15 e 16 anni che sono stati feriti, non i 23 di oggi!
Oggi sono una donna serena, con una famiglia alle spalle ed una nuova che si sta creando, con un uomo fantastico e, spero, dei bimbi e tre megnifici cagnolini... più di questo? Cosa potrei desiderare?

Chissà... forse eliminare quel peso che ti grava sulle (alle) spalle, passato ma non superato. Far sparire l'amarezza che ti prende quando qualcosa ti fa venire in mente quel periodo che doveva essere bellissimo...

Citazione:
Mi consigli di parlare con le persone che allora mi hanno ferita,ma come potrei? Dal 2001 o 2002, non mi ricordo neppure più, non vedo enon sento nessuno di loro.

Non è un vero consiglio: non posso sapere se ce ne sono le condizioni nè se realmente queste persone siano disponibili...
Quello che volevo dire è che secondo me tu non hai bisogno di uno sfogo, sebbene sia una cosa che dà la sua soddisfazione. Penso che avresti bisogno di affrontare quegli anni con un atteggiamento diverso, propositivo, non di chi vuole recuperare (l'irrecuperabile), ma di chi vuole chiudere un capitolo amaro per proseguire serenamente verso i successivi.

Citazione:
Io, come credo anche ariete esuberante, non voglio avere ragione a tutti i costi, ma forse solo un po' di solidarietà... Rolling Eyes

Beh, ariete di solidarietà ne ha ricevuta, io mi sono assunto l'onere di proporre anche una posizione differente... Wink che mi sembrava necessaria, visto il trend.

La ricerca della solidarietà è un po' pericolosa: rischia di far perdere di vista il problema perché a forza di raccontarlo "per cercare un po' di solidarietà" ne resta solo il guscio, quello che all'esterno genera solidarietà, quello che ottiene lo scopo, appunto. Non è un'accusa, è un meccanismo inconsapevole che ti fa raccontare ogni volta le cose che la volta prima hanno sortito l'effetto desiderato, mentre ti fa omettere o reinterpretare quelle meno efficaci.

Non è di quello che avete bisogno, a mio modesto parere.

Paolo
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 37
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 19:48    Oggetto: Rispondi citando

polvansen ha scritto:
MammaOrsaCoccolona ha scritto:
La frase con cui ho niziato il precedente post voleva essere solo ed unicamente IRONICA!

Ma pensa un po'... anche la mia! (Devo ammettere che il mio senso dell'umorismo spesso non viene compreso... )


Bravo. Concordo.

polvansen ha scritto:
La ricerca della solidarietà è un po' pericolosa: rischia di far perdere di vista il problema perché a forza di raccontarlo "per cercare un po' di solidarietà" ne resta solo il guscio, quello che all'esterno genera solidarietà, quello che ottiene lo scopo, appunto. Non è un'accusa, è un meccanismo inconsapevole che ti fa raccontare ogni volta le cose che la volta prima hanno sortito l'effetto desiderato, mentre ti fa omettere o reinterpretare quelle meno efficaci.
Non è di quello che avete bisogno, a mio modesto parere.


Bravo.Concordo.

mammaorsacoccolona ha scritto:

È vero, non è carino parlare così dei miei ex capi, ma credo che la rabbia e la delusione siano una giustificazione plausibile per riferirmi a loro in quel modo.



Molto umano. Anch'io lo faccio, spesso. Purtroppo.


Attenzione, però: vorrei ricordare che lo scoutismo ci insegna che il fine da raggiungere non giustifica mai i mezzi usati per raggiungerlo.

E' una piccola precisazione forse anche un pò eccessiva, ma credo che ricordarla ogni tanto non faccia male.


L'ultima modifica di rinoceronte caparbio il Mercoledì 25 Ottobre 2006, 13:32, modificato 1 volta
Top
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 21:03    Oggetto: Rispondi citando

rinoceronte caparbio ha scritto:
mammaorsacoccolona ha scritto:

È vero, non è carino parlare così dei miei ex capi, ma credo che la rabbia e la delusione siano una giustificazione plausibile per riferirmi a loro in quel modo.



Molto umano. Anch'io lo faccio, spesso. Purtroppo.


Attenzione, però: vorrei ricordare che lo scoutismo ci insegna che il fine da raggiungere non giustifica mai i mezzi usati per raggiungerlo.

E' una piccola precisazione forse anche un pò eccessiva, ma credo che ricordarla ogni tanto non faccia male.


Non ho capito...! Embarassed
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 37
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Martedì 24 Ottobre 2006, 22:02    Oggetto: Rispondi citando

detta più semplicemente, il fine NON giustifica i mezzi.
Top
sponsor
sponsor
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Mercoledì 25 Ottobre 2006, 08:58    Oggetto: Rispondi citando

rinoceronte caparbio ha scritto:
detta più semplicemente, il fine NON giustifica i mezzi.


e QUINDI... CONCLUDI IL CONCETTO PER FAVORE...
IO ANCORA NON HO CAPITO...

OK, IL FINE NON GIUSTIFICA I MEZZI... MA, A QUESTO PUNTO, QUAL È IL FINE SECONDO TE, E QUALI SONO I MEZZI????
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 37
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Mercoledì 25 Ottobre 2006, 12:31    Oggetto: Rispondi citando

Il fine di spiegare un comportamento dei capi (in questo caso) non autorizza a dargli degli aggettivi poco felici.
In primo luogo perchè qui non ci sono, in secondo luogo perchè è una tua opinione, in terzo luogo perchè non serve a niente sbeffeggiarli a suon di parolacce in un forum scout, perchè saremmo poco scout e poco forum.

claro?
Top
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Mercoledì 25 Ottobre 2006, 12:56    Oggetto: Rispondi citando

Ahhhhhhhhhhhh! Adesso capisco...!
Anzicchè cercare di leggere il perchè del mio sfogo, ti sei fermato solo al fatto che ho dato appellativi, già ammesso da me stessa subito dopo averlo fatto, poco carini ed educati, hai preferito captare solo ed unicamente ciò che TU hai voluto capire...

Ma attenzione MammaOrsaCoccolona... altrimenti mister "proteggo tutti e tutto io" ti invia altre mail in pvt cercando di metterti sotto le suole delle scarpe!!!

Carissimo tigre ribelle, che poi di ribelle non so cosa tu abbia visto che sei molto conforme a tutte le regole di sta terra, prenditi la briga di leggere dall'inizio i post scritti... poi... ma solo DOPO aver compreso, e solo DOPO esserti messo un po' nei miei panni o in quelli di ariete esuberante, parla...!

Anche se credo che tu, non avendo vissuto il reparto, puoi capire ben poco delle mie sensazioni. Sei arrivato direttamente in clan, dove, per fortuna, tutte queste situazioni non si vivono.

E... adesso che sei capo, sentir dare del poco di buono ad un capo, ti brucia, in quanto si lede, in teria, anche la tua figura, poichè se tu ti comportassi così con una tua lupetta o una tua guida, un domani lei potrebbe avere lo stesso mio atteggiamento nei confronti dei miei ex capi, ma questa volta rivolto a TE!

E sai qual è la cosa che più mi infastidisce qual è?
Che con te, persona con la quale, sin dall'inizio ho sperato di riuscire ad avere un dialogo civile, non comprendi, o meglio, rifiuti di comprendere ogni cosa che io dico, mentre, con polvansen, col quale ho avuto scontri anche poco piacevoli e rodimenti di fegato che mi porto ancora dietro, adesso si riesce a discutere da esseri umani civilizzati quali siamo, nonostante abbiamo visioni dello scoutismo divergenti e, a volte, contrastanti!
Bah...
Top
rinoceronte caparbio
Moderatore


Età: 37
Segno zodiacale: Ariete
Registrato: 04/09/06 00:01
Messaggi: 3919

MessaggioInviato: Mercoledì 25 Ottobre 2006, 13:31    Oggetto: Rispondi citando

Invito a darti una calmata.

Nel mio post dove quoto Polvensen c'è la risposta.

Immagino che la tua risposta sia a me, non a tigre ribelle.
Top
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Mercoledì 25 Ottobre 2006, 19:05    Oggetto: Rispondi citando

rinoceronte caparbio ha scritto:
Invito a darti una calmata.

Nel mio post dove quoto Polvensen c'è la risposta.

Immagino che la tua risposta sia a me, non a tigre ribelle.


CHIEDO SCUSA CON LA CODA TRA LE GAMBE A TIGRE RIBELLE... lui non c'entrava nulla, ma probabilmente avevo leto un suo post subito prima di rispondere a questo topic e mi è rimasto in "memoria" il suo nick... cancellando, INVOLONTARIAMENTE, rinoceronte caparbio.
La verità è che la pagina non mi ci sta nel monitor, quindi spesso elimino dalla visuale gli autori dei messaggi... Finora ero riuscita a non incorrere in questi errori...! Smile

Ok, mi posso anche dare una calmata, come dici tu, ma resta il fatto che tu ti sei voluto fermare al semplice insulto rivolto ai miei ex capi...
E poi, giusto per dirla tutta, a me non sembra di essere stata aggressiva nel risponderti... sono solo stata schietta e diretta... Ma se neppure questo con te va bene, perfetto tu ed io siamo assolutamente incompatibili, ci siamo presi in antipatia... o... non è che sei uno del mio vecchio gruppo scout che, a sentire queste cose, si sta risentendo per i capi?!?! Confused
Top
MammaOrsaCoccolona



Età: 39
Segno zodiacale: Leone
Registrato: 27/09/06 14:57
Messaggi: 119
Residenza: Pura, Svizzera

MessaggioInviato: Mercoledì 25 Ottobre 2006, 19:15    Oggetto: Rispondi citando

polvansen ha scritto:
MammaOrsaCoccolona ha scritto:
Mi dici che affronto l'argomento descritto in precedenza con gli occhi di una guida, beh, in fondo è la guida che sono stata che è ferita, non la donna che oggi sono. Sono i miei 15 e 16 anni che sono stati feriti, non i 23 di oggi!
Oggi sono una donna serena, con una famiglia alle spalle ed una nuova che si sta creando, con un uomo fantastico e, spero, dei bimbi e tre megnifici cagnolini... più di questo? Cosa potrei desiderare?

Chissà... forse eliminare quel peso che ti grava sulle (alle) spalle, passato ma non superato. Far sparire l'amarezza che ti prende quando qualcosa ti fa venire in mente quel periodo che doveva essere bellissimo...


Ci provo... è forse per questo motivo che sono entrata qui dentro... per cercare di trovare, anzi, RITROVARE il bello dello scoutismo.

polvansen ha scritto:
MammaOrsaCoccolona ha scritto:
Mi consigli di parlare con le persone che allora mi hanno ferita,ma come potrei? Dal 2001 o 2002, non mi ricordo neppure più, non vedo enon sento nessuno di loro.

Non è un vero consiglio: non posso sapere se ce ne sono le condizioni nè se realmente queste persone siano disponibili...
Quello che volevo dire è che secondo me tu non hai bisogno di uno sfogo, sebbene sia una cosa che dà la sua soddisfazione. Penso che avresti bisogno di affrontare quegli anni con un atteggiamento diverso, propositivo, non di chi vuole recuperare (l'irrecuperabile), ma di chi vuole chiudere un capitolo amaro per proseguire serenamente verso i successivi.


Per ora è ciò che ho assoluta intenzione di fare. Voglio solo riportare alla luce i bei ricordi, gettando dalla finestra le arrabbiature.

polvansen ha scritto:
MammaOrsaCoccolona ha scritto:
Io, come credo anche ariete esuberante, non voglio avere ragione a tutti i costi, ma forse solo un po' di solidarietà... Rolling Eyes

Beh, ariete di solidarietà ne ha ricevuta, io mi sono assunto l'onere di proporre anche una posizione differente... Wink che mi sembrava necessaria, visto il trend.

La ricerca della solidarietà è un po' pericolosa: rischia di far perdere di vista il problema perché a forza di raccontarlo "per cercare un po' di solidarietà" ne resta solo il guscio, quello che all'esterno genera solidarietà, quello che ottiene lo scopo, appunto. Non è un'accusa, è un meccanismo inconsapevole che ti fa raccontare ogni volta le cose che la volta prima hanno sortito l'effetto desiderato, mentre ti fa omettere o reinterpretare quelle meno efficaci.

Non è di quello che avete bisogno, a mio modesto parere.

Paolo


Vero, ottenere "troppa" solidarietà causa questi effetti. Ma spesso non sono voluti da chi la cerca questa solidarietà, sono semplici accadimenti.
A me è capitato quando è finita la mia ultima storia, nella quale avevo investito moltodi me stessa... quando mi ha lasciata, perchè non mi lasciavo comandare, ho pianto da matti, cercando solidarietà in chiunque... poi.. trascorso il tempo sufficiente a farmi rendere conto che ormai il mio racconto era vuoto... ecco che ho anche smesso di star male e di piangere.

Dici che non abbiamo bisogno della solidarietà, allora, scusa l'ardire della domanda, di COSA necessitiamo?
Sempre secondo te, s'intende Wink !
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi   stampa senza grafica    Indice del forum -> Comunità Capi Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Pagina 2 di 5


 


Board Security


Powered by phpBB © 1996, 2008 TuttoScout.org